accedi   |   crea nuovo account

L'arcangelo risolutore

Tu nel tuo mondo al sicuro,
tu tra la gente tanto duro,
tu definito l'intoccabile!

Avvertimenti te ne ho dati,
avvertimenti non ne hai accettati,
avvertimenti me ne hai dati!

Intanto gli anni passavano,
intanto i giovani morivano,
intanto i porci si ingrassavano!

Qui in penombra ti attendo,
qui nell'oscurità ti voglio,
qui con mano ferma l'anima ti preleverò!

Fuori arrogante come sempre verrai,
fuori sorpreso come mai, mi vedrai,
fuori la mia lama bramosa di sangue disseterai!

Te ne approfittavi, "io sono il signore della roba!"
te ne approfittavi, "la gente per me lavora!"
te ne approfittavi, "quelli come te devono seguire le regole!"


... ma io non sono mio padre!

Stella stellina, la notte si avvicina, la fiamma traballa, il porco è nella stalla, la morte ha la sua falce, Dio il suo angelo della morte, ognuno ha la sua giustizia e tutti fan la nanna.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

54 commenti:

  • Andrea Pinto il 27/06/2011 03:04
    ma tanti commenti per questa poesia?? Stiamo scherzando? Non è male, è carina ma di certo non vale tanti commenti...
  • Riccardo Brumana il 01/10/2008 19:36
    ma non lo sai che lo zafferano alza il colesterolo?
    mi avresti dovuto pagare da bere per il piacere.
    ciao.
  • Anonimo il 01/10/2008 19:33
    sai, riccardo, tempo fa sono tornato dall'estero e ho portato in italia dello zafferano squisito. mi telefona una amico e mi chiede se gliene regalo un po', io ne metto un cucchiaino in una bustina e scendo per strada a portarglielo. quindi se tu fossi stato lì e avessi adocchiato il giro di polvere in bustina, mi avresti massacrato pronti via, poi al massimo ti saresti scusato con gli eredi. cosa volete che sia un sacrificio per un bene così grande come un mondo migliore? un salutone.
  • Riccardo Brumana il 01/10/2008 19:25
    Massimo, credo che chi è ai gironi bassi stia già pagando... inutile infierire.
    grazie, a rileggerci.
  • Riccardo Brumana il 01/10/2008 19:22
    Incompetente, faccio quello che posso per dere un mondo migliore a chi verrà.
    cosa che dovremmo fare tutti, ognuno con le proprie ali ovviamente, non voglio certo essere un esempio per nessuno.
    un saluto.
  • Anonimo il 01/10/2008 18:32
    riccardo, se le tue poesie nascono da esperienze reali, mi stai dicendo che fai ronde a massacrare spacciatori, sfruttatori e compagnia bella?
  • Riccardo Brumana il 01/10/2008 12:52
    Incompetente, credo sia il commento più tormentato che abbia ricevuto!!!
    mi è piaciuto molto. e ti dirò, mi hai fatto riflettere sai, e non parlo solo di te, quando si legge una poesia d'amore o dolore si pensa subito che sia autobiografica, poesia sincera ed onesta. quando si legge una poesia di rabbia viene da pensare che sia frutto della sola fantasia dell'autore...
    forse è il nostro inconscio che seleziona cosa vuole accettare e cosa rifiutare come "reale".
    giusto per chiarire, le mie opere nascono tutte da esperienze-sensazioni-situazioni autentiche "escluso Mondi Paralleli anche se c'è del vero pure lì", capisco che al fine della lettura non importa... ma importa a me.
    un caro saluto.
  • Anonimo il 01/10/2008 01:05
    troppo fumettosa, non giudico il contenuto che ognuno crede in quello che vuole, ma non c'è nessuna ricerca nell'esposizione. tu mi stai simpatico ma ne ho lette un po' tue e mi sembrano sempre la solita solfa. Anzi, ripensando alle lame, ai tirapugni e alle calibro X e Y, in seconda analisi mi piace molto!
  • Riccardo Brumana il 29/09/2008 21:21
    Chiara, ti ringrazio del passaggio, a rileggerci.
  • chiara rossi il 29/09/2008 16:10
    bella davvero... il finale è stupendo!
  • Riccardo Brumana il 27/09/2008 11:48
    Bruno, grazie molte, a rileggerci.
  • bruno guidotti il 27/09/2008 07:44
    Molto bella, complimenti.
  • Riccardo Brumana il 06/09/2008 16:47
    Elena,
    ognuno guarda il mondo con i propri occhi...
    ognuno ha le sue ali...
    ma credo che in fondo la voglia di fermare il marcio sia in entrambi.
    grazie del commento.
  • Riccardo Brumana il 24/12/2007 13:21
    Donatella, in fatti era rabbia e adrenalina quella che sentivo in quell'occasione! grazie.
  • donatella bellucci il 23/12/2007 22:21
    molto bella e inquietante si sente la tua rabbia dentro...
  • Riccardo Brumana il 23/12/2007 18:10
    Umberto, ti ringrazio per il tuo commento, a rileggerci.
  • Umberto Briacco il 23/12/2007 17:35
    Poesia interessante. Molto ritmata si sa subito per chi si fa il tifo, coinvolgente. A sangue freddo la teoria del giustiziere porta in direzioni poco edificanti. Saluti
  • Riccardo Brumana il 28/11/2007 21:24
    sonia direi che il modo l'hai trovato. ti ringrazio.
  • Riccardo Brumana il 09/11/2007 13:33
    thanks Silvana!
  • Riccardo Brumana il 07/11/2007 21:32
    Cinzia, che mi inquieta sono quelle merde degli spacciatori che vendono falsi sogni ad dei ragazzi in cerca di voli facili!!! che alla fine si ritrovano in un incubo reale!
  • Cinzia Gargiulo il 07/11/2007 20:15
    Forte!!... Il finale mi ha fatto venire in mente la musichetta inquietante di un film di Dario Argento...
    (non lo dire a nessuno ma quei film mi impressionano un pò!!... )
  • Riccardo Brumana il 15/10/2007 21:04
    Gabriella, è la realtà ad esserlo! qui c'è solo il riflesso.
  • Gabriella Salvatore il 15/10/2007 13:39
    inquietamente bella, paurosamente forte, un finale da brivido, bravo
  • Riccardo Brumana il 11/10/2007 22:48
    michelangelo, ti terrò presente, ma son sottrarti se la campana suonerà il tuo nome. grazie!
  • Michelangelo Cervellera il 11/10/2007 19:44
    Il finale è da film dell'orrore (che io temo), la trama è bellissima ed alla fine sempre attuale, la trovo spaventosamente bella e se vuoi una mano a togliere l'anima ai porci... Michelangelo
  • Riccardo Brumana il 08/10/2007 12:10
    ignazio, grazie.
  • IGNAZIO AMICO il 08/10/2007 00:21
    Sentimenti espressi con grinta e furore. Brava
  • Riccardo Brumana il 04/09/2007 18:49
    Ciao Luana, hai ragione e son convinto che se te la "recitassi" ti prenderebbe ancor di più! a rileggerci...
  • Luana Andronico il 04/09/2007 17:21
    Gli aggettivi che avrei usato per definire la tua poesia sono già stati usati, inutile ripeterli, voglio solo aggiungere i miei complimenti per l'intensità che trasmette. Inoltre vorrei solo aggiungere un commento alla struttura, secondo me entrambi i pareri possono andare bene, ci sono poesie che si adattano bene a un tipo di struttura e ad altre meno ma è anche vero che l'autore la sceglie secondo ciò che vuol trasmettere, perchè a lui tocca il difficile compito di fondere struttura e significato e d'altronde mai la leggeremo e la interpreteremo come l'autore stesso fa, per questo a me piace sentir recitare le poesie da chi le scrive, spesso una pausa, una lieve intonazione nella voce che la scrittura non rende possono cambiare molto
  • ELENA MACULA il 09/05/2007 13:27
    bellissima sa di liberazione da un oppressore allo stesso tempo puo essere considerata metaforicamente parlano un exemplum complimenti davvero
  • Ezio Grieco il 11/04/2007 10:48
    Bravo Riccardo; bella, forte, di contenuti.
    Male Riccardo; struttura che non mi convince.
    Un saluto
    Clezio
  • Fabio B il 08/04/2007 18:15
    Bella ed inquietante.
  • Riccardo Brumana il 07/04/2007 21:59
    vedi cara tiba, una poesia è composta da una parte solida "la struttura" e una parte astratta "il messaggio che manda" entrambe le due parti vanno trattate allo stesso modo, se poi vuoi che ti vengano dette le lodi e omesse le critiche è un'altro discorso. volendo si può anche scegliere di non ricevere commenti. se ti va di parlarne ancora mandami un messaggio in privato visto che qui ormai non vuoi commentare la mia poesia ma solamente parlare dei commentini lasciati sotto! grazie.
  • Riccardo Brumana il 07/04/2007 10:55
    il mondo è bello perchè è vario. rispetto la tua idea. comunque no, non credo che una struttura debba adeguarsi alla poesia, semplicemente perchè la poesia non ha volto nè corpo, sta al poeta definirla, questione di gusti.
    mi nasce un pensiero... lo scrivo... vivo una vicenda... la scrivo... e poi? è quanto? no, per me no! la leggo la rileggo... la ascolto... gli dò una rittmica, dividendola in strofe... la ascolto... gli dò fluidità "le rime" la ascolto... solo allora lei, la poesia, mi dice il suo nome, e nasce il titolo... ora sì! ora ha preso vita... è un percorso magnifico per me, che mi porta ad amare le mie opere come mondi a sè stanti... pur facendo parte di me...
    i "giudizi" come li chiami tu sono solo dei consigli o il mio parere rispettoso e sincero di quel che leggo, ed è questo che credo si attenda un poeta dai commenti fatti alla propria poesia, certo attende anche i complimenti, sarebbe da ipocrita negarlo.
    vi ringrazio tutti per i vostri commenti... sinceri e rispettosi.
  • Mario Secondo il 04/04/2007 01:00
    Grande questa Riccardo!
  • Tj R il 03/04/2007 20:47
    Davvero particolare... bravo! un bel 9 a presto Riccardo e ti ringrazio molto per i commenti che mi hai lasciato
  • Tj R il 03/04/2007 20:46
    Struttura a terzine, rime versate, ripetizioni iniziali... tema forte. La minaccia di una paura eterna, assolutamente umana. La passione nel possedere qualcuno per serbarlo con sè, perchè in vita è stato spudoratamente signore. E poi un padre... malinconia o fortuna...? e un'inquietante ninna nanna alla Freddy Kruger... minacciosa,
  • laura cuppone il 03/04/2007 19:18
    il desiderio che la morte ripulisca dallo schifo è forte dentro e fuori di te... ma la morte non fa differenze e forse per ogni porco porta via dieci innocenti... ma risolvee rinfranca ugualmente, qualche volta... mi è piaciuta perchè intensa, forte, purpurea, oscura ma efficace. laura
  • IvaDiva il 03/04/2007 11:05
    CASPITA! FORTISSIMA... A RILEGGERCI. iVANA
  • Adriana Bordin il 02/04/2007 10:00
    Ho appena letto la poesia, stupenda, ha un po' di macabro... però mi piace...
  • sara rota il 01/04/2007 23:37
    Anche in questa poesia riconosco il tuo stile, forse un po' macabro a volte, ma reale... Mi piace soprattutto la strofa finale. Bravo
  • celeste il 01/04/2007 20:50
    è forte. Bravo Riccardo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0