PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Favoletta senza fretta

Un dì di tanti,
camminando su strade piane,
mi trovai davanti
ad un buffo cane
e stupor fu tanto,
ancor ho 'l nodo in gola
quando per incanto
proferì parola.
Parlava solo, nell'avanzata
fiero e sicur del suo dire
e questa è la storia già iniziata
ch'ancor incredulo stavo a sentire:
"Si può esser più stupidi d'un pesce
che nell'acqua sta a respirare,
ma perchè fuor non esce
com'altre bestie da ammirare?!"
"O del gatto detto furbetto
in gir col caldo o l'intemperia
quando potrebbe aver un tetto
sul capo d'una casa seria?!"
Così cianciava la bestia fiera
come recitando un gran sermone
così io chiesi, curioso, qual era
il nome proprio del suo padrone
e quello guardandomi quasi rise
pronto e svelto a soddisfarmi
"È presto detto, il signor Tacoise,
chi altro al mondo potrebbe amarmi?"
Ma or, signori, a svelar l'arcano
della morale di quest'avventura
non v'aspettate da me una mano,
per menti aperte non è sì dura! 

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Chirio Giocoliere del Verbo il 17/02/2011 19:54
    mai senza la soluzione alla morale...
  • Deborah Cavazzini il 17/02/2011 10:21
    Bellissima! Molto divertente e ben scritta.
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 15/10/2010 21:24
    su su, chi vuole la soluzione me la chieda in privato e la fornirò volentieri... manca il 50% del suo sensa senza.
  • Don Pompeo Mongiello il 15/10/2010 20:36
    Mi limito a commentare la poesia che trovo bella e spiritosa. Ma sei una mente diabolica davvero, Bravo!
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 15/10/2010 20:09
    ahahahahahahah
    sei fuori strada ma forse nemmeno così tanto, il cane è tutto e il significato a portata di mano... solo che la soluzione è un po' più... nascosta.
  • Clodia. il 15/10/2010 19:15
    mi piace questo gioco! io ho dato un doppio significato alla favoletta: in un caso il signor tacoise è nessuno, d'altronde chi potrebbe amare un 'cane' così polemico? nel secondo caso, il protagonista, in delirio, si immagina la scena perché per certi versi non capisce affatto il comportamento animale!
    è probabile che non abbia capito tanto, ma è bello giocare!
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 15/10/2010 13:28
    grazie... dieci euro a chi scopre il suo segreto, non tutto è solo ciò che sembra... lo dice anche il testo.
  • angela ambrosini il 15/10/2010 11:41
    veramente gustosa bella
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 15/10/2010 10:28
    scritta di getto senza troppo pensare... ma nasconde un piccolo segreto che da senso alla morale
  • laura marchetti il 15/10/2010 08:17
    simpaticissima! scorrevole e scritta molto bene...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0