accedi   |   crea nuovo account

E ritorno

sempre ritorno
a quel tempo svanito
che mai più non torna.
Le corse affannata
dei giochi bambina
ginocchia sbucciate
vestiti imbrattati
merenda in giardino
divisa tra tanti.
E il domani nel Sole!
Cos'ero da grande
quand'ero piccina?
E ritorno
ancora ritorno
ai giorni dei sogni.
Li cerco smarriti
nel tempo dei grandi.
Ma più non li trovo.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • carmela marrazzo il 17/10/2010 11:40
    grazie a tutti per l'apprezzamento e i graditi commenti.
    l'infanzia è il giardino sempreverde dentro noi : un tesoro da non dissipare.
    buona domenica a tutti
    carmela
  • Anonimo il 17/10/2010 00:28
    Bellissimi versi Carmela. L'età descritta, l'età della spensieratezza, delle fiabe, dello stupore, l'età della protezione... manca tanto in una vita adulta provata in continuazione dalla lotta quotidiana per sopravvivere. Gli affetti, oggi, sono così rari e diversi, incapaci di colmare il cuore come prima!
  • Aedo il 17/10/2010 00:16
    È bello tornare alla magia dei sogni, anche se non sempre si ritrovano. Bella poesia!
    Ignazio
  • Fabio Mancini il 16/10/2010 19:57
    È un tornare alle radici, senza trovare l'essenza. Ma le nostre radici si irrobustiscono, crescono e talvolta si spostano nei terreni più fertili. Un bacio con carezza. Fabio.
  • loretta margherita citarei il 16/10/2010 16:37
    piaciuta, si smarriscono i sogni crescendo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0