accedi   |   crea nuovo account

Ciàssa Baràcca

tìi vedèivi
ammùggièe
in scìi graduìn da Gèiggia
de Ciàssa Baràcca
cavèlli lùnghi, giànchi cùumme ìn lensèu
eiòggi accounturnèe de nèigru
ammìa quèli assettè e cieghèe in duì
mè dìiva ù Tìlio
aspettàan ou scùu pe faasse
èean fìggi e figgètte de famìggia
òua se ti vèu ammiàane ùnna da veggìin
te ghèe vèu in gundùn
s'accuègan fìnna cuì chèein
e se faan fa de tùttu
pe avèei ì dinèe
pe accatàasse quèela pùuvia maledetta
e quànde arrìiva à sèia
l'èe cùmme nà rulèt russa
stassèia ne mànca ùun
nùun ghe la fèeta ù Lìno
annèmu a vèdde drèentu a Gèeggia
u lè lìi, insennuggiò, pàa cù prèghe
oh nùu, lèe frèeidu
cùmme u fèeru che rèese u Segnù.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • loretta margherita citarei il 17/10/2010 15:58
    bella ignazio,
  • Anonimo il 17/10/2010 14:03
    SUPERLATIVA...!!!
  • Giuseppe Amato il 17/10/2010 13:19
    Lodevole l'uso del genovese per un argomento così diventa un mezzo più potente per fotografare una triste realtà
  • ignazio de michele il 17/10/2010 10:59
    li vedevi/ammucchiati/ sui gradini della Chiesa di Piazza Baracca/capelli lunghi, bianchi come un lenzuolo/e gli occhi cerchiati di nero/guarda quelli seduti e piegati in due/mi diceva Attilio/aspettano la notte per farsi/erano ragazzi e ragazze di buona famiglia/ora se ne vuoi guardare una da vicino/ti ci vuole il profilattico/si coricano anche con i cani/e si fanno fare di tutto/per avere i soldi/per comprarsi quella polvere maledetta/e quando arriva la sera/è come una roulette russa/stasera ne manca uno/non ce l'ha fatta Lino/andiamo a vedere dentro la Chiesa/lui è lì, inginocchiato sembra che preghi/oh no, è freddo/come il ferro che regge il Signore/

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0