PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le meraviglie della mente

Il gatto mangia il topo
è il mio motto,
questo affermava Claudio
prima di prendersene uno.

Peccato che in casa sua
non ce n'eran di quei randagi,

Quel poveraccio di un gatto
fu costretto a suicidarsi
per non bagnarsi
per scansarsi dalla secchiata
mischiata di acido
che io, Marco,
Placido e il vecchio Augusto
Geri Halliwell
(quella che cantava It's raining man
porco giuda)
e Witney Houston,
il Re Leone,
Timon e Pumba,
i Griffin, i Simpson,
l'uomo ragno e Toto Cutugno
gli versavamo uno per uno.

Questa è poesia
ripesca
semplicemente
le meraviglie
della mente
Questa è magia
per quelli che come me
hanno scoperto il lato divertente.

In fondo è poesia...

Essa ripesca
semplicemente
le fantasie
di una mente
come altre,
libere dai pensieri.

Mi avevano detto
fai della vita il tuo sogno
e io sono all'opera,
non lo sto solo sognando!

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 08/11/2016 03:34
    apprezzata... complimenti

2 commenti:

  • Anonimo il 02/11/2010 00:15
    Molto originale.
    Bella, bella.
  • vincenzo rubino il 17/10/2010 13:35
    bella e "fumettosa", continua così! a presto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0