PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Marco Pedone

Solo un paio di stelle
brillavano ieri sera per te,
anche il cielo lacrimava
leggere gocce di sale,
nessuno sapeva che eri partito
tutti or sanno che sei tornato
senza vita... .

Questo spreco di disumane vittorie
con giogo altruista
di potenti poltrone che sanno di sangue.

Non ci sono parole
ma solo silenzi e capi chinati
a dire ancora signorsì,
no, io dico no, ingiusto
ciò che ti ha costretto a sceglier l'esercito!!!
La fame di una vita migliore
pagata con la morte!

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • augusto villa il 20/08/2014 09:45
    Disumane vittorie. ... Proprio così! ... Brava!
  • Anonimo il 08/12/2011 18:52
    Il 4 Novembre di quest'anno (2011) ho conosciuto tutta la famiglia Pedone presente come me alla manifestazione di commemorazione del 4 Novembre. Il cognato lo conoscevo già perchè lavora presso il Ristorante Minì a San Gregorio dove spesso andavo a pranzo.
    Per questo ragazzo avevo pianto ed a darmi questa commozione eri stata te con la tua poesia.
  • Giacomo Scimonelli il 16/11/2010 16:53
    tristezza in versi scritti col cuore... piaciuta
  • Aedo il 18/10/2010 00:09
    La scelta a volte è anche determinata da motivi economici, ma il coraggio è basilare... Bella poesia!
    Ignazio
  • laura marchetti il 17/10/2010 18:29
    una triste realtà... io ho un amico che ha scelto di andare per motivi economici e quando confacilità parliamo di volontariato altrettanta facilità dovremmo riconoscere l'effettivo sacrificio che non è ripagabile da nessun compenso...
  • Francesca La Torre il 17/10/2010 13:51
    Triste, ma vera in tutti i sensi, bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0