PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Per chi suona la campana - R. J

Gomiti appoggiati su aghi
di pino, fuma una sigaretta,
arrotolata nel tempo rubato
alla morte, aspettando.
La vita è una lunga sala
d'attesa. La guerra lo è
di più : rapisce, in
giorni di sole, al sorriso
della propria bella,
tra calendule ti fa
vigliacco, e
colline nemiche, mentre
la mente, illesa,
viaggia tra imprese
di antenati.
Cos'è la vita, anni di
passaggio, al cospetto
di tre giorni e tre
notti di veri respiri?
In un baleno
torna sulla collina,
rivive un salto.
Poi cede, placato,
come le vergini
dinnanzi al Minotauro.
Sorride; forse ha
già
sentito la sua
campana.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 21/09/2016 07:15
    Un plauso sincero e dovuto per questa tua fantastica.

1 commenti:

  • Enrico Scarcella il 18/10/2010 15:08
    Stupenda poesia, ti faccio i miei complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0