PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un caffè con Caifa

Pensai a Caifa
come compagno ideale
per consumare un caffè,
che presenza inquietante- direte,
eppure il caffè era un pretesto
per misurarmi con il Male.
Il sacerdote Caifa, ai tempi di Gesù,
sobillò il Sinedrio, affinché facesse
catturare il Cristo, si attivò per cercare
le testimonianze che sarebbero state
indispensabili per ottenere la condanna
del Salvatore sulla croce. Il Caifa che
conosco io, ha la sua stessa determinazione,
mi accusa di non avere una coscienza,
dice che sono incapace di manifestare
il bene, mette in cattiva luce le persone
che amo e vorrebbe inchiodarmi
su una croce per disfarsi di me.
Ma nonostante l'inimicizia, non
voglio assegnare a Caifa forze
che non possiede, in quanto l'anima
che brancola nel buio, la trasparenza
delle cose, non vede.

 

3
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • ELISA DURANTE il 21/10/2010 18:31
    Per sicurezza, comunque, ti consiglio un po' di stricnina nel caffè di codesto Caifa!
  • Dolce Sorriso il 19/10/2010 22:12
    una riflessione di grande stile... sei davvero unico...
    bravoooo
  • loretta margherita citarei il 19/10/2010 21:36
    bella riflessione, ottima poesia, bravo amico caro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0