accedi   |   crea nuovo account

Vivi

Accetta
il frutto proibito:
il tempo
nulla
ti ritornerà.
e l'acqua
che
scorre
cristallina,
tua vita
che sfugge,
raggiungerà
il lago
dove morire.
Nel
suo corso
il fiume
scrive le tue
pagine,
non si ferma,
trascina i giorni
e li
travolge.
E i sassi sul fondo:
le tue lacrime,
i tuoi dolori.
Quel ramo teso,
quel frutto offerto,
afferralo
gustalo,
prima di giungere
sfinito
nel lago.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 27/12/2010 18:01
    Bella e suggestiva... metafora davvero efficace!
    brava...
    Tuttavia poi l'acqua evapora e rinasce a nuova vita...
    creando altre opportunità!
  • Simone Scienza il 20/10/2010 10:19
    Aggrappati al Carpe Diem
    sci.. voliamo nell'inesorabile fiume del tempo.

    Adoro questo tema e come l'ha esposto, complimenti
  • loretta margherita citarei il 19/10/2010 21:46
    una delle più belle oggi lette, complimenti
  • Laura cuoricino il 19/10/2010 18:32
    Vivere attimo per attimo questo dono prezioso del nostro Creatore, dall'inizio alla fine terrena, per entrare finalmente nella Vita vera, quella Eterna!
  • Anonimo il 19/10/2010 17:55
    Bella riflessione. Tutto scorre ed inesorabilmente porta alla fine. Bisogna dunque assaporare ogni momento della vita. ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0