PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'ultimo viaggio

Poveri versi,
come farete
quando questo
corpo innocente
vi avrà abbandonato;
che ne sarà di voi
melodiosi versi miei,
amici della mia ragione
ditemi, chi avrà cura
dei vostri ricordi;
quando i pensieri miei
vagheranno nel limbo
dell'eterna agonia.
Candidi versi miei,
voi che avete donato a me
momenti di sana follia
nonostante tutto, io tiranno
vi abbandono; vi lascio
ai vostri sogni, che ignari
e senza fretta, scorreranno
davanti ai vostri occhi come
in un film in bianco e nero,
dando la sensazione
alla speranza per un istante,
di prendere forma e colore
prima che cambi il vento.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • francesco verducci il 20/10/2010 11:18
    È per questo che li scriviamo, li recitiamo, li disperdiamo nel vento della memoria altrui, per farli vivere oltre il "nostro sogno".

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0