accedi   |   crea nuovo account

Leggendo i giornali... mi chiedo!

Che cosa devo sapere?
Cosa c'è di più grande
del dolore della morte?
Tutti siamo in cerca di un appiglio,
eppur si vede lontano un miglio.
Chiede rispetto,
chi è caduto come una foglia,
solo perché manca l'amore...
dentro la famiglia!
Se ascolti il lamento della terra
spegni la luce,
ammutolisci i microfoni,
fermi la penna e respiri.
La giustizia corre all'assolta condanna,
noi siamo giudici, di giudizi imperfetti!

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Giuseppina Iannello il 27/10/2010 19:33
    La Tua bella, intensa poesia è un invito alla riflessione sul tema della morte e della caducità della vita; è speranza nell'amore per la nostra rigenerazione. 5stelle
  • Cinzia Gargiulo il 24/10/2010 23:51
    Poesia pienamente condivisa.
    Bravissimo!...
    Un abbraccio...
  • Anonimo il 22/10/2010 16:44
    Hai ragione, condivido la scelta del tema, grazie...
  • laura marchetti il 22/10/2010 07:39
    è vero... il silenzio è rispetto... bravissimo
  • Anonimo il 21/10/2010 23:56
    Hai ragione da vendere.
    Bella.
  • Donato Delfin8 il 21/10/2010 21:13
    Concordo.
  • loretta margherita citarei il 21/10/2010 20:58
    condivido, bel pensiero amico caro baci a lucia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0