PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ventitre Ottobre Millenovecentoventi

Cara nonna tu da lassù ci osservi?
starai guardando bene i nostri passi,
e avrai di certo teso i tuoi saldi nervi,
nel sognar la vita sperando che ripassi.

Mentre è il tempo che ci cammina accanto,
al ripensarti vedo il tuo sguardo attento,
il sorriso amaro di chi ha sofferto tanto,
e le mani piene di dolore ormai più spento.

A volte nonna, io mi soffermo ancora,
a immaginar la vita se tu mi fossi accanto,
come si vede il sole in una nuova aurora,
rivedo quello sguardo di chi mi ha amato tanto.

Avrai sorriso ancora nel riveder mio nonno?
Non te ne stare li a ripensare al tuo dolore.
Lui ti farà gli auguri per il tuo compleanno.
E da un vecchio sorriso ritornerà l'amore.

Auguri nonna, ti voglio bene tanto,
senza di te la vita ha preso un altro verso
non c'è più il sorriso... questo è quanto.
È passato un anno in cui mi sono perso!!

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • salvo ragonesi il 28/11/2010 10:21
    bellissima dedica piaciuta ciao. salvo
  • Maria Rosa Cugudda il 26/11/2010 11:17
    sentita dedica, da lassù sicuramente la tua cara nonna ti sta proteggendo! apprezata.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0