PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Palazzo Pollaio

Un pollo piccolo
non un pulcino,
proprio un pollo pollo,
ma piccolo.

Tanti piccoli polli,
non dei pulcini,
proprio dei polli polli,
ma piccoli.

C'è un problema
quando il pollo
si esprime
fa: cip-cip-cip-cip
mentre il pollo piccolo
fà: pi-pi-pi-pi

L'unica voce, l'unico
coro che ne esce in questo
palazzo fa all'incirca cosi:
cip-pi-cip-pi-cip-pi-cip-pi
se ti esprimi, non ti capiscono,
se vuoi capire,
non riesci a capire.

Il motivo è unico.
Non ti capiscono, non
vi capite,
perché parlate
un linguaggio da polli.

L'idea per risolvere il problema
è stata creare dei polli grandi,
non dei galli, ma proprio
dei polli polli,
ma grandi.

Ora nel palazzo c'è meno rumore,
c'è più chiarezza,
non si mischiano più
i vari linguaggi,
ora ci sono dei progetti.

Un unico, chiaro ben scandito
linguaggio,
che tutti capiscono,
o fanno finta di capire.

Parlano solo i polli grandi.
I polli piccoli cercano
di imitarli, però a bassa voce.

Il coro che ne esce fa
all'incirca così:
ciop-ciop-ciop-ciop-ciop.

Cosa dicono?
Non si sa.
Però è un linguaggio
da polli grandi,
grandi polli
in un palazzo pollaio.

 

1
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 27/06/2012 22:42
    Amate riflessioni ben stilate complimenti

9 commenti:

  • Anonimo il 25/06/2012 15:38
    Tanti "pollai", in noi e attorno a noi. La cosa più difficile e rara è accorgersi di quelli nostri, interiori: delle nostre voci soffocate, non ascoltate, irrise, male interpretate... zittite. Grazie della profonda riflessione, resa benissimo.
  • Bruno Vollei il 05/01/2011 03:58
    È proprio vero. Noi sentimo ma non capiamo. E dico noi per un senso, chi sa se ancor vivo, di unità...
  • Verdiana Maggiorelli il 02/12/2010 19:18
    Satira verace e spirito futurista. Apprezzata, ridendo di gusto.
    Ma quando mai i polli fanno cip-cip? Quelli son versi per chi vola alto
    e i nostri, ahimé, strisciano!
  • Clodia. il 24/10/2010 17:59
    amara riflessione, peccato che la colpa sia solo nostra! siamo noi a mantenere in ottime condizioni il pollaio, siamo noi che periodicamente forniamo loro di che vivere!
  • ELISA DURANTE il 24/10/2010 17:04
    Bellissima nella sua tragicità. In questo quadro manca lo sfondo, che siamo noi, lombrichi magri o grassi ma comunque da SPREMERE FINO IN FONDO!!!
  • Cinzia Gargiulo il 24/10/2010 13:04
    Chissà perché ma questo palazzo Pollaio mi ha fatto pensare ad un altro pollaio dove parlano parlano ma non risolvono alcun problema... Ah bé... però i polli ingrassano... a nostre spese ovviamente!...
    Originale poesia!
    Buona Domenica!
  • Anonimo il 24/10/2010 11:38
    Molto particolare.
    Molto bella.
  • laura marchetti il 24/10/2010 09:32
    amici... per la penna... un po' come noi...
  • loretta margherita citarei il 24/10/2010 06:38
    stile futurista questa poesia sagace, invita alla riflessione, apprezzatissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0