-->
username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Lo sciopero

Oggi sciopero generale.
Comizi, cortei,
quatt'or'e protest
po, ogniun'e case nost.

Pà via agg'accattato,
dal fioraio,
nu mazz'e Rose
per la mia sposa.
Mò c'arrivo al nido
le voglio dì,
dannec'e Rose,
si a vita mia,
si a Rigina e stà casa.

Mett'a quarta
alla mia carretta,
schiacci'o pero a tavuletta;
tengo fretta d'arrivà
dalla mia dolce metà.

Pos'a machina al parcheggio
faccio e scale a quatt a quatt
con il cuore che scoppietta
n'fil'a chiav e arap'a porta.
Stò sul punto e pronuncià:
"ammore mio stò ccà"
quanno il mio udito fin
sent'gemiti e suspir.

Me stò zitto
e con sospetto
lascio e scarp for'a porta,
chian chian m'avvicin
alla stanza dei suspir.

Non vi dico la sorpresa!
Chella piezza e chiappampesa
tutt'annura stava stesa,
dint'o lietto arravugliata
cu nu grande scurnacchiato;
Agostino o parrucchiere
sciupafemmen'e quartiere.

Succedette o quarantotto,
schiaffi cavici e cazzotti;
doie ore d'arrevuoto
e mazzat'e mala morte.

Nù burdello po palazzo,

12

0
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Pierpaolo Orefice il 31/05/2013 23:43
    Bella! La musicalità del testo, grazie allo splendore del napoletano, dona grande ritmo alla lettura. E poi è divertente, le parole fanno "vedere" la scena.

4 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0