PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nun rirere

Lo so, nun sò capace
a scrivere in dialetto,
ma ce voglie pruvà.
Pecchè pur 'nzieme a ttè
tanta cose aggia fatto,
ca maje assa penzat' è fa.

Te voglio ricere
Int'à stu fuglietiello
ca quann' sto cu' ttè
niente pare 'cchiù bello!

Appena ca te veco,
senza te guardà 'nfaccia,
par' comm'à n'amico
ca nun succere nient'...
ma quanno t'avvicine,
me piglie int'à sti braccia,
s'accenne nu cerino
e cagna tutt'int'à nu mument'..

E 'mmò però nun ricere,
rerenno, "Liev' mano!
È meglio ca tu tuorne
a scrivere italiano.. ".


Ma tu stamme a sentì,
si pure n'è arta mja,
ca o core, pe se fa capì,
pure a lengua cagnarrja.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0