accedi   |   crea nuovo account

Vecchi fanciulli

Urla bagnate di sangue
nei sogni
che guardano il cielo.

Ancora tu
non sfuggi al mio sguardo
e solitario è
il mio tormento.

Tu dici di amarmi
e con il cuore traino
granelli di roccia
dove non posso riposare.

Sofferto tormento
che ti chiama per nome
e il suo felice lamento
ormai stanco giace.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • karen tognini il 27/10/2010 08:37
    Sofferto tormento
    che ti chiama per nome
    e il suo felice lamento
    ormai stanco giace.


    Bravo Sergio...è molto bella...
    k
  • bruno guidotti il 27/10/2010 07:28
    Il mio parere si limita alla composizioneche trovo ben rimata, il soggetto mi sfugge.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0