username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sensazione

Un silenzio di notte
immagini offuscate
fragilità del pensiero
brividi
tremori
convulsioni del cuore in tumulto
protetto solo dal manto dell'irrazionale,
non intravedo più gli spiragli dell'anima
i ricordi ammalianti
di giorni immensi
quando scalavo con occhi di fuoco
la vetta dell'impossibile,
e allora chiudo le saracinesche
delle ovvie parole
e mi appresso verso la radura in penombra
facendo attraversare la mente
dalle note di un concerto soffuso
dove è solo emozione,
o forse caduta nel nulla.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

42 commenti:

  • bruno guidotti il 24/05/2013 19:15
    Una bella poesia, colma di rimpianti. Ma forse domani torneranno le antiche sensazioni. Bella.
  • sabrina galbo il 13/08/2012 20:00
    Noi ci trasformiamo... e vediamo da angolazioni diverse...
  • Giacomo Scimonelli il 16/12/2011 12:30
    riletta con infinito piacere.. conservo tra i miei preferiti
  • teresa... il 23/07/2011 13:01
    bè il titolo percorre tutta la tua opera un ansia notturna pervade l'animo che si spinge fino ai ricordi in cui la forza del fuoco tutto poteva, tutto travolgeva, la saggezza di giorni tranquilli, maturi riporta alla penombra, una penombra che però ha un sentimento incerto sono altre emozioni o una dolce fine? Io credo si tratti ancora di un volo emozionante. Mi è molto piaciuta bravo!
  • Anonimo il 25/03/2011 11:41
    le sensazioni nascono spontanee nel nostro cuore... i ricordi a volte ci fanno sognare... a volte ci ricordano quando con estrema facilità scalavamo... la vetta dell'impossibile... bellissima Ignazio come tutti i tuoi scritti
    PS ricorda la mente può tutto...
  • Anonimo il 24/03/2011 00:10
    Senza Parole. La sento anche io.
    Bellissima poesia.
    Devo leggere assolutamente tutte le altre
  • angela testa il 21/03/2011 09:16
    l'ho letta con tanta dolcezza...
    quella che mi ha trasmesso...
  • Anna Raccardi il 17/03/2011 08:14
    poesia molto sentita e profonda complimenti caro IGNIS, bellissima ciao
  • grazia savonelli il 16/03/2011 17:41
    molto ... suggestiva... i ricordi ammalianti di... complimenti ciao grazia
  • Anonimo il 10/03/2011 20:39
    bella, profonda" quando scalavo con occhi di fuoco... la vetta dell'impossibile"come dire : " quando avevo il mondo nelle mie mani". È piena di sensazioni ed emozioni che tocano il cuore bravo ignazio
  • fabius civitilus il 28/02/2011 18:15
    Complimenti mi piace molto... la vetta dell'impossibile!!!!
  • Bruno Briasco il 11/02/2011 11:25
    Complimenti!! Profonda e chiara.
  • Maria Teresa il 07/01/2011 17:27
    Confermo quanto detto nei commenti precedenti, davvero notevole, caro Ignazio.
    I miei complimenti insieme ad un caro saluto
  • Anonimo il 07/01/2011 11:24
    Sempre incisivo, profondo ed esaustivo. Riesci a riassumere le sensazioni più recondite e inconfessabili nei tuoi meravigliosi versi! Bravo, Ignazio!
  • Anonimo il 30/12/2010 12:04
    Versi incalzanti, direi onomatopeici, scanditi da riflessioni profonde, ma gradevoli... Ignazio sei un grande!
  • bruno guidotti il 18/12/2010 06:54
    Molto, molto bella. Bruno
  • Adele Vincenti il 17/12/2010 09:58
    Apprezzata... versi intensi di intense vibrazioni... Un abbraccio!
  • Anonimo il 25/11/2010 22:12
    Bellissime parole che suscitano sensazioni... 5 stelle
  • Anonimo il 25/11/2010 22:10
    Sei bravissimo!...
  • Anonimo il 14/11/2010 17:41
    Poesia che emoziona.
    Sei molto bravo.
    Bella, bella.
  • Aradia Aidara il 14/11/2010 14:46
    Originali immagini ed efficaci. complimenti, come sempre
  • marilena il 13/11/2010 20:08
    "mi appresso verso la radura in penombra" a volte sento di farlo anch'io, come pure i "brividi e tremori" nel silenzio della notte, li avverto spesso e faccio fatica a intravedere "spiragli dell'anima". penso sia una poesia a misura per me, grazie di averla scritta
  • Donato Delfin8 il 07/11/2010 19:05
    Già...
    L'ovvio a volte è anche l'oppio che chiude un occhio alla mente e un altro al cuore!

  • Alessandro Moschini il 07/11/2010 07:31
    Poesia molto bella. L'ultima immagine della mente attraversata dal concerto soffuso è veramente splendida.
  • lidia filippi il 06/11/2010 21:56
    Una poesia bellissima e intensa; racconta sensazioni profonde che si stemperano in un finale che addolcisce, lasciando che sia
  • Adamo Musella il 06/11/2010 14:16
    E così lo vedo il poeta lontano dall'ovvio, animato dal silenzio che solo apparentemente è nulla invece è ispirazione nel mondo. Complimenti Ignazio per la tua poesia. un abbraccio.
  • Dolce Sorriso il 05/11/2010 00:05
    sei sembre bravissino... affascini con i tuoi bei versi
    una poesia bellissima
    smack
    Anna
  • Anonimo il 04/11/2010 08:49
    Spesso le parole sono inutili, è nel silenzio che si percepiscono le emozioni più forti e vere...
  • Aldo Riboldi il 03/11/2010 23:40
    Mi piace questo desiderio di chiudersi nei confronti dell'ovvietà e di aprirsi alle emozioni...è il bisogno ritrovarsi con se stessi...
    trasmetti grandi emozioni Ignazio, grazie!
  • Ugo Mastrogiovanni il 02/11/2010 16:43
    Ignis Ignis è un maestro nel rappresentare in versi le sue percezioni emotive. Egli subisce la fragilità del suo pensiero che, immerso nel silenzio della notte, gli provoca strane emozioni; sembra quasi sopraffatto da quel passato che ormai sente lontano e irripetibile, ma è solo una base scenica a supporto della sua vocazione lirica. Ecco che le note di quel "concerto soffuso" lo addolciscono e, dura poco la sua eterea assenza, subito rientra nella realtà.
  • alice costa il 02/11/2010 15:46
    una sensazione dapprima offuscata poi tra ricordi e note un'emozione... che forse parte dal nulla ma scala nuovamente la vetta dell'impossibile...
    Splendida!!!!!!!!!!!!
  • ELISA DURANTE il 02/11/2010 13:46
    Molto piaciuta! Tra l'emozione e il nulla c'è la SENSAZIONE!
  • nicoletta spina il 01/11/2010 22:31
    Hai chiuso le saracinesche delle ovvie parole...
    ma hai aperto la porta del cuore, donando emozioni... sensazioni
    intense e profonde come solo tu sai fare.
    Sei grande poeta, grazie.
    Un sorriso e un abbraccio.
  • Anonimo il 01/11/2010 18:29
    molto bella Ignazio pura poesia espressa dal cuore. ciao Salva.
  • Cinzia Gargiulo il 30/10/2010 00:05
    Poesia suggestiva che affascina il lettore.
    Bravissimo Ignazio...
    Bacioni...
  • loretta margherita citarei il 29/10/2010 21:25
    sempre bellissime poesie riflessive scrivi
  • laura marchetti il 29/10/2010 18:31
    certe che le tue parole non sono mai ovvie... e scalano la vetta dell'impossibile con un'agilità da gran poeta
  • Viky D. il 29/10/2010 15:55
    Bella questa descrizione di un cuore in tumulto, e il silenzio notturno favorisce ricordi e sensazioni che resteranno per sempre nell'anima. Letta tutta d'un fiato.
  • Anonimo il 29/10/2010 13:24
    affascinanti versi... mi piace!
  • Maria Teresa il 29/10/2010 12:27
    Ignis, è sempre un piacere poterti leggere...
  • giovanna raisso il 29/10/2010 11:06
    non più spiragli.. ricordi ammalianti.. ora verso la penombra.. lasciando spazio solo alle emozioni.. forse perdute..
    ma che bella Ignis
    ti abbraccio
  • Giacomo Scimonelli il 29/10/2010 09:49
    chiudere le saracinesche delle ovvie parole...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0