accedi   |   crea nuovo account

C'è lei

La sera spegne la luce
di un inutile infinito
che solo
tace.

Negami l'aria
se vuoi
come la luce di primavera
ma dammi il tuo sorriso.

Ne morirei
io qui ti amo
con queste fredde ossa
dove s'affaccia il mio pensier.

D'abbandono fermo
fuggo verso quella sete
eterna dove trovo
un sonno che mi culla.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 29/10/2010 13:25
    cullarsi el sonno di una malinconia... bellissima!
    Un abbraccio...
  • Maria Teresa il 29/10/2010 12:26
    Versi davvero belli, con una leggera malinconia che li rende ancora più intensi.
  • Giacomo Scimonelli il 29/10/2010 11:22

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0