PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A marte

O possente dio se tu non esistessi
Quanti guai avresti risparmiato al mio cor
Perché quella che mi tradisce con scuri capelli folti
e occhi illuminati dalla luce ha gettato via il mio amor

Tu gli hai dato il nome, come una calda giornata di primavera
e io la vedo nei miei sogni entrar con violenza
e lasciar a me messaggi d'amor corposo non più consistenti della cera
al mio risveglio felicità mi coglie a rimirar quel viaggio finché la mente non si ferma e pensa

Antico poeta che miravi l'orizzonte
Dalla tua parte è la ragione,
La mente crea illusioni per ingannar l'umana fronte
Ed è la stessa ragion per cui al mio cuore chiedo perdon.

O a pensar a cosa poteva essere e non è stato!
E che così triste è il nostro fato.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Giorgio Davì il 07/11/2010 19:40
    Bravo, bella poesia.
    un po' antica in certi punti, e "umana fronte" fa un po' ridere. ma hai un bel lirismo