PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un universo di passioni

O' Tu,
mia amabilissima donna,
io che cercavo l'esca confacente per
prender il pesce giusto, non m'ero mai
accorto d'aver a portata di mano la guisa giusta.
Ormai da molto tento perlomeno
di farmi notare da Te
che Venere eri e Venere sarai. Ebbene ora
ch'io mi ritrovo qui a scriver codesto carme,
risento nascere in me, quella sensazione ch'io
ogni volta che ti scorgo provo. Un universo di passioni
collocate in modo caotico. Ogni sensazione
mi prende e mi strugge l'anima, come la prima
volta, quando all'inizio del cammino della mia misera
vita ti incontrai e non ero ancora niente. Ora
cerco di maggiorare sia me sia il mio cuore che
ancor gentil non è, e che per abbracciare l'anima
Tua dev'esserlo. Ebbene concludo questo carme confidando
nel fatto che Tu, prima o poi ti accorgerai di me,
del nobiluomo che ancora nobile non è, dell'uomo preso
da Te al punto tale da suscitare in lui un universo di passioni,
che lo portano a provare uno smisurato sentimento
che non è definibile con nessuna parola che sia umana.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • EASTON il 06/11/2011 20:23
    Il parere espresso da Elisa eguaglia quanto da me percepito
  • ELISA DURANTE il 18/11/2010 09:33
    Ravviso nel tuo stile e nel lessico che usi qualcosa che ha a che fare con i cavalieri antichi e l'amor cortese.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0