accedi   |   crea nuovo account

Mai

Mite mattino
che bussi alla mia porta
guardo
e s'abbandonano foglie.

Dall'animo mio
lacrime sorridenti
nella gioia
senza dolore.

Vorrei continuare a vederti
nell'affanno
dove un lungo tormento
è il mio respiro eterno.

D'alcun dolore
e tu penoso ricordo
e tornami
nel sereno sgomento del mio destino.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Anonimo il 01/11/2010 09:31
    Dove un lungo tormento è il mio respiro eterno...
  • Aldo Riboldi il 01/11/2010 09:24
    Malinconica, intensa, hai reso benissimo il tuo stato d'animo...
  • Vincenzo Capitanucci il 01/11/2010 09:18
    ... un lungo tormento
    è il mio respiro eterno...

    Bellissima Sergio... tornami nel sereno...
  • Chiara Marenghi il 31/10/2010 21:11
    molto intensa e d'impatto. complimenti davvero
  • loretta margherita citarei il 31/10/2010 21:10
    bella poesia, intensi melanconici versi
  • Anonimo il 31/10/2010 20:24
    QUANDO ABBANDONERAI LA TRISTEZZA RIPRENDERAI A VIVERE.
    B. B.
  • Giuseppe Bellanca il 31/10/2010 19:39
    Si sente un tormento che colpisce l'anima ma nell'insieme è una bella poesia. ciao
  • laura marchetti il 31/10/2010 19:15
    lan tua dolce tristezza è una carezza di poesia...
  • Laura cuoricino il 31/10/2010 17:27
    Tristezza 'pura' di un animo tormentato...
  • Anonimo il 31/10/2010 17:19
    Sono strepitose le tue poesie, non dovrei scriverlo perchè sono poesie intrise di tristezza ma, che devo farci, sono obiettivamente... belle, belle, belle!
  • Giacomo Scimonelli il 31/10/2010 16:28
    bellissima...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0