username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Dio aiutami tu

Cammino mano in tasca
e sigaretta tra le dita,
il mio passa arranca,
tutte le strade sono in salita.
Mi fermo un istante,
alzo lo sguardo ed un bagliore
mi strazia la vista ed il cuore.
Vorrei tanto sorridere
e sfiorare il profumo della felicità,
ma non riesco a capire,
ciò che desidero è impossibile.
Una musa nel mio pensiero
forse mai più ritornerà.
Chi mi vuole bene non capisce,
chi asciuga le mie lacrime mi sorregge
ma poi si gira e ride.

Non esiste anima onesta,
non esiste anima sincera
che possa camminare a braccetto
col mio balbuziente dolore.
Io però non cedo,
afferro e tengo stretta la speranza,
la speranza di un domani diverso,
diverso e colorato.
Un domani dai mille colori,
un domani avvolto dai profumi
che purifichino le pareti ingiallite,
le pareti stanche
del mio cuore sognatore.
Dio, Tu mi hai regalato la vita
ed io non ho chiesto nulla,
ma adesso sorreggi la mia anima irrequieta,
la mia anima incompresa,
la mia anima timida,
la mia anima solo di dolore intrisa
e prossima alla deriva.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Grazia Denaro il 03/03/2012 22:23
    Che dire una lirica che tocca il cuore e commuove per questo cuore che non riesce a trovare serenità e pace. Ciò dipende pure da te giacomo, devi sforzarti di scacciare via la tristezza, di non rendertela compagna, altrimenti si affezziona e sarà lei a non volerti mollare più. Lirica magistralmente scritta per forma e contenuto. Apprezzatissima!

32 commenti:

  • Anonimo il 13/11/2010 20:12
    semplicemente incantevole... grazie mille per averla scritta, mi c rivedo un sacco... e sappi che le anime timide che disprezzano l odio, la falsita, la cattiveria umana in genere hanno l'enorme dono di vedere quello che la massa non vede, di gioire dove gli altri ridono.. stasera ti ho sentito, grazie col cuore
  • Anonimo il 06/11/2010 02:05
    Forse dovresti aiutarti da te.
    Dio o non c'è, o non ci risponde. (parere personale).
  • Giusy Lupi il 04/11/2010 00:35
    Non posso fare a meno di votare 5 stelle, bellissima poesia piena di dolore e speranza. Ti auguro al più presto, con l'aiuto del Signore, che tu invochi, pace e serenità, te lo meriti. Un caro abbraccio. Giusy
  • Maria Rosa Cugudda il 03/11/2010 20:36
    canto di dolore, inno alla speranza, meravigliosa! sentita e condivisa. Dio è sempre con noi! ricordalo.
  • tania rybak il 03/11/2010 13:28
    claudia montenegro intendevo, ma anche di tutti gli altri amici
  • tania rybak il 03/11/2010 13:27
    concordo con le parole di Claudia, fidati, bella poesia
  • ELISA DURANTE il 03/11/2010 08:34
    Mi permetto di suggerire una modifica al tuo rivolgerti al Supremo: "Dio, qualsiasi cosa succeda o non succeda, io SO che sarà la cosa più giusta per me". Non l'intendo certamente come formula magica, ma per la mia vita funziona e mi dà grande serenità.
    Un grande e forte abbraccio!
  • Don Pompeo Mongiello il 02/11/2010 19:24
    Preghiera sincera, scritta con penna leggera, Chi tutto può la esaudirà.
  • claudia checchi il 02/11/2010 17:01
    bellissima..
    claudia
  • marco carlino il 02/11/2010 12:05
    non ho esitato un attimo a dare il massimo voto a questa poesia, forse perché mi ci sono ritrovato dentro dalla prima all'ultima riga... mi è piaciuta specialmente la prima parte... tornerò sicuramente a leggerti
  • Aedo il 02/11/2010 11:37
    Esistono nella vita momenti difficili, in cui non s'intravede spiraglio di luce. Eppure, stai sicuro, con la forza interiore li supererai. Bella poesia!
    Ignazio
  • karen tognini il 02/11/2010 10:03
    bravo Giacomo... spero invece che andrai incontro al sole...
    ciao
    k
  • Simone Scienza il 02/11/2010 00:27
    La ferma positiva resistenza è l'unico strumento che veramente abbiamo
    contro la prepotenza della vita.

    Un'incantevole supplica che arriva decisa al cuore.
    Auguri e complimenti, veramente toccante
  • Falco libero il 02/11/2010 00:09
    Bravissimo Giacomo hai saputo unire la fatica nel districarsi in questo mondo e la speranza per un domani meno faticoso.
    Bella 5 stelle e +
    Falco Libero
  • Anonimo il 01/11/2010 19:44
    "afferro e tengo stretta la speranza" Complimenti accompagnati da 5 stelle.
  • Aldo Riboldi il 01/11/2010 19:20
    Bellissima poesia, quando ci si affida a Lui, non si sbaglia mai...
  • laura marchetti il 01/11/2010 18:00
    S T U P E N D A!!
  • loretta margherita citarei il 01/11/2010 17:42
    molto accorata e molto sentita, sentirsi amati dal divino solleva dalla solitudine, ottima poesia
  • Mario Olimpieri il 01/11/2010 17:37
    Se stai chiedendo aiuto all'Essere supremo, al Dio consolatore, puoi temere tutto, meno l'abbandono: sei davvero in... ottime mani!
  • Laura cuoricino il 01/11/2010 15:26
    Una preghiera accorata!
    La tua ricerca, il tuo soffrire, lo sperimentare la fragilità umana che non trova riscontro nel viaggio della vita...
    Il Signore è con noi, soffre con noi, è sempre lì sulla croce delle nostre miserie, non mancherà di asciugare le tue lacrime...
  • Antonietta Mennitti il 01/11/2010 15:11
    Magistralmente scritta... Spero questo sia il tuo ultimo grido di dolore, e poi seguirà la serenità... Te lo auguro Giacomo!
  • Elia Paglia il 01/11/2010 12:49
    quanto dolore amico mio... stai tranquillo dai tempo al tempo che prima o poi tutto si agiusterà...
  • rea pasquale il 01/11/2010 12:27
    Se si accetta il dolore senza combatterlo, con il tempo si trasformerà in ricchezza interiore, di questo hai bisogno.
    Un saluto
  • Maurizio Cortese il 01/11/2010 11:24
    Introspezione lucida e apparentemente senza speranza, che si apre poi all'invocazione a Dio, unica roccia a cui aggrapparsi.
  • claudia pinheiro montenegro il 01/11/2010 10:31
    Ciao Giacomo,

    Matteo 11: "28 Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. 29 Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. 30 Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero».

    Gesù benedica te,
    abraço,
  • Vincenzo Capitanucci il 01/11/2010 10:28
    la mia anima è timida... io però non cedo...

    Molto bella... Giacomo.. aiutami Tu...
  • Anonimo il 01/11/2010 09:35
    Mi hai lasciato senza parole... conosco la tua disperazione, ho già percorso quella strada, quelle salite e già incontrato affetti e sguardi incerti. Non sò che consigli darti. Quando si soffre e si soffre d'amore anche il dolore che ne deriva diventa prezioso... comunque, ti lega a lei. L'amore è un grosso guaio... dovremmo essere così egoisti da amare solo noi stessi...
    Un abbraccio e un "in bocca al lupo" di cuore!
  • Anonimo il 01/11/2010 09:26
    Io però non cedo,
    afferro e tengo stretta la speranza,
    la speranza di un domani diverso,
    diverso e colorato...
  • coccinella settantotto il 01/11/2010 09:16
    Nessun bagliore per quanto forte possa essere, mai riuscira' ad abbagliari...è ancora Lei che domina la luce dei tuoi occhi e i tuoi pensieri:la tua Musa!! Nel cuor tuo sognatore è accanto a Lei che vedi la speranza di un domani diverso e colorato. Bravo non cedere ai bagliori afferra e tieniti stretta quella speranza!!!!
  • vincent corbo il 01/11/2010 09:15
    L'uomo dovrebbe essere felice solo per il fatto di essere vivo e in buona salute, tutte le altre cose dovrebbero essere relative. Ti posso dare un consiglio? Getta la sigaretta e avrai fatto un passo avanti verso la buona salute.
  • Sergio Fravolini il 01/11/2010 09:10
    C'è tutto il tuo dolore Giacomo! Splendida opera. Bravo.

    Sergio
  • Anonimo il 01/11/2010 08:03
    Un grido di dolore... e di speranza!
    Veramente molto bella. Grazie.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0