PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Profumo di fame

Infanzia affamata
quella del "Quaranta",
ma quanta gioia quando
quel profumato pane nero
tentava finalmente di smorzare o frenare
i dolenti morsi di uno stomaco avvilito.
Stomaco avvezzo a minimi, strani cibi:
pane e noci, pane e fichi secchi,
pane su cui pigramente si adagiava
un debole strato di pomodoro, rosso di sole,
o una gradita farina dolce di castagne.
Niente di più, ma tutto squisito,
condito da fame verace.
Oggi che la mia dispensa trabocca
di alimenti assortiti,
non avverto più i forti desideri del passato,
tutto mi è proibito
e sogno i tempi del nero pane quotidiano.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • laura marchetti il 01/11/2010 20:11
    ricordi dal cassetto del passato... il cibo di oggi non ci riporta la genuinità di quel tempo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0