username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Graffiando le tenebre

Aggrappate alla coda
di un pensiero che si fa
impreciso come un ombra,
si spengono a catena
luci su luci
ed è come se
la città sparisse
pezzo dopo pezzo
via dopo via.

Così,
graffiando le tenebre e gli abissi
per risalire,
in un silenzio
che grida per essere
e tace
per morire,
siamo fantocci fragili e immobili
mentre la marea
ci attraversa
come luce fende il vetro.

Per chi
frugandosi dentro
scopre abissi di vuoto
ci sarà
il cigolare lento
di un futuro già fuggito
di una porta che si chiude
distratta come il mormorare
della vita che passa.

E una notte infinita
carica di lampi e lame,
senza schiavi o padroni,
nascerà per noi
orfani di mare
che rimarremo onde
trafitte dal sole.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Teresa Tripodi il 11/05/2011 18:22
    bella mi piace
  • Giacomo Scimonelli il 02/11/2010 05:25
    molto bella... scritta benissimo... piaciuta
  • Dolce Sorriso il 01/11/2010 22:49
    veramente brava... bello leggerti
    Anna
  • karen tognini il 01/11/2010 20:23
    Elisabetta.. complimenti..
    sei bravissima...

    k
  • laura marchetti il 01/11/2010 20:17
    una meravigliosa poesia, una luminosa speranza

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0