PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sentimento

a fatica
il primo albeggiare
ha il sopravvento
sul bigio orizzonte orientale
come amanti sfiancati
nubi e collina giacciono
madidi e stremati
dopo una notte di tempesta
dei sensi
ed il percuotere ritmico
di questo maestrale
roride labbra afone giurano amore
aridi monemi
spazzati dal vento del mendacio
lastricano viali infiniti
che gli elementi
invano tentano di lavare
perchè
non dirmi subito ch'era solo ebbro richiamo carneo
perchè

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 02/11/2010 23:08
    ... i ricordi come i -perchè-... non si lavano mai...
    meravigliosa lirica, incastonata fra peccato e nuvole...
  • loretta margherita citarei il 02/11/2010 21:03
    ottima
  • Giuseppe Sparta il 02/11/2010 20:43
    note soavi che echeggiano antiche passioni mai terminate
  • laura marchetti il 02/11/2010 20:41
    immagini che conquistano in un vortice di natura e sensi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0