accedi   |   crea nuovo account

Lacrime

Versi opposti lascivi inaugurano veloci sofferenze e balzano fuori da sintassi
mai udite e compiaciute sempre protese
a deridere l'antico enigma del suolo invaso
da celtiche profezie e inumane vestigia
che ardono e mutano come schegge impazzite
sull'assolo della memoria,
e infetto ossa e sangue per assecondarmi
in ogni respiro che placo e nutro ma che non vivo
e non vedrò riuscendo a iniziare un ciclico rituale
che deprime e rifugia le menti da stagnanti visioni,
e sobbalzo d'insieme a non iniziare...
mentre il mondo rimane e non aiuta, statico, inerme, ignobile,
l'orlo dei gemiti riscalda e tramuta in vasi densi
di nettare che aggiungono e distolgono da fine sincera.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • ELISA DURANTE il 10/11/2010 13:00
    Sei sicuro che, come dici nella presentazione, componi di getto? Se sì, complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0