PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La nostra Apocalisse

Penso solo a te...
sei come una droga
mi hai distorto la mente,
ho un chiodo fisso,
un dolce ricordo.

Le tue labbra si distendono
i tuoi occhi si accendono
e tutto questo per me
come segno di benvenuto
un saluto esplosivo
che mi conferma di esser vivo.

Le mie braccia si allargano
le mie mani ti accarezzano
come per proteggere un oggetto
sfumato dal sentimento
da una sorta di attaccamento
che posso considerare come mio.

Cascasse il cielo
e tutti i suoi abitanti
io sarò lì a farti compagnia
a sostenerti nel brivido
questa speciale vertigine
dalla quale usciremo
più uniti di prima.

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/02/2014 14:38
    Molto apprezzata, complimenti.

3 commenti:

  • ELISA DURANTE il 10/11/2010 20:00
    Un'Apocalisse tenerissima e piena di positività ! Complimenti!
  • Anonimo il 04/11/2010 21:20
    Rende l'idea di un amore sano. Bella.
  • karen tognini il 03/11/2010 21:44
    Cascasse il cielo
    e tutti i suoi abitanti
    io sarò lì a farti compagnia
    a sostenerti nel brivido
    questa speciale vertigine
    dalla quale usciremo
    più uniti di prima.


    bellissima... bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0