username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Come vestita

Non so se per pudore
o per il gelo di dicembre
che venni al mondo già
come vestita.
Un illusione, forse vanità
o semplice affezione
per quelle membra
a cui non seppi rinunciare.
Da quel giorno mi porto
addosso appiccicata
la tenera camicia.
E narrano di quella notte
ancora un po'storditi
per tutto lo stupore.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 07/11/2010 03:36
    Nascere con la camicia

    Si dice cosi' quando un bambino nasce con le membrane amniotiche attorno al corpo...è la vernice caseosa, ossia quello strato biancastro che alla nascita ricopre l'epidermide dei neonati, e che appare un po più abbondante nel caso di parti prematuri. Il suo scopo è la protezione del feto dal liquido amniotico, che potrebbe macerarne la cute.
    È un caso molto raro, ecco perchè nel linguaggio quotidiano questa espressione viene usata per indicare una persona fortunata.
  • loretta margherita citarei il 05/11/2010 21:27

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0