username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'albero

Mi flagelli
il freddo invernale vento,
scivolino
le gelide lacrime
sulla mia corteccia
aggrinzita,
si disperdano pure
i miei sogni
tinti di giallo e d'amaranto,
che io viva la solitudine
nella carezza della nebbia.
Linfa verde, vitale
scorre in me,
già pronta è la nuova gemma,
tornerà presto
sui miei rami
l'uccello a far il nido,
a cantarmi
la canzone del sole.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • Grazia Denaro il 21/01/2012 00:56
    Bella piena di speranza in attesa che arrivi il sole della primavera.
  • Vincenzo Renda il 26/12/2010 19:37
    la voce della natura... brava
  • augusto villa il 07/11/2010 16:33
    .."sogni
    tinti di giallo e d'amaranto..."... Che bello l'accostamento foglie-sogni...
    ... Eppoi è bella tutta!... Brava Loretta! ----
  • Giusy Lupi il 06/11/2010 13:51
    Bellissima descrizione di un albero... che si accompagna alla nostra vita dopo l'inverno la speranza di una nuova gemma già pronta e l'uccellino che tornerà a fare il nido e a cantare la canzone del sole. Deliziosa complimenti... A presto. Giusy
  • Anonimo il 06/11/2010 08:11
    bellissimo accarezzare alla natura, non avevo dubbi da un'Umbra un bacio Salva.
  • - Giama - il 06/11/2010 00:15
    che io viva la solitudine
    nella carezza della nebbia...

    sono versi malinconici lor, ma molto belli, così come tutta la poesia!

    Ciao Gia
  • Elisabetta Fabrini il 05/11/2010 20:20
    Bellissima... colorata, piena di speranza!!
    Un sorriso x te!
  • karen tognini il 05/11/2010 19:56
    già pronta è la nuova gemma,
    tornerà presto
    sui miei rami
    l'uccello a far il nido,
    a cantarmi
    la canzone del sole.


    Brava Lor...
    bella...
  • Alessandro Moschini il 05/11/2010 19:55
    La stagione che muore e rivive, come una ruota dell'anima che gira e si ripete tra momenti tristi ed uforie in questa splendida metafora. Complimenti vivissimo Loretta.
  • Salvatore Ferranti il 05/11/2010 19:54
    una poesia molto intensa e bella
  • coccinella settantotto il 05/11/2010 19:48
    ... gia pronta è la nuova gemma... la natura che riprende vita nonostante il freddo invernale... un meraviglioso spettacolo della natura...
  • Anonimo il 05/11/2010 18:56
    La speranza è la prima gemma... che fa esplodere la primavera. Ora, nei primi brividi della natura... già sente e, pur nel profondo sonno dell'inverno, non smette mai di sognare... una sicura promessa... che non delude mai!
    Sei splendida Loretta!!!!!
  • ELISA DURANTE il 05/11/2010 18:55
    Rassicurante la solidità di chi ha solide radici... Davvero bella!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0