PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ricamo

Gemma d'ambra,
il sole ricama sulla spuma
il vento gelido.
Sul crinale erboso della sera
la falce rossa del tramonto
mi mutila.

Le tue mani
sono anfore vuote di luce,
negli occhi spezzati
le grida, il sonno,
spasmi d'un pianto di pietra.

L'ombra dei pini
incorona la tua fronte
disfandone i colori
in un'ansia infinita di carni.
Affondo gli occhi nel buio -
germini dalla notte,
mi vivi ancora nel petto.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Dark Side il 23/11/2010 12:53
    spettacolare la seconda strofa... da 5 stelle
  • Elisabetta Fabrini il 05/11/2010 20:17
    Semplicemente meravigliosa... mi è piaciuta tantissimo!
    Bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0