PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mio Nonno

L'aviti vistu
scupà
e vie e i viculi
e lu paisu,
l'aviti vistu
jucà a cartu
da Futussu e Vitalu,
qualche volta
scugnuccà
a ca e là,
per nu pocu
e vinu e cchiù.
eppure
nu grand'omo
fu,
Cavaliere insignito
di Vittorio Veneto,
e i ne portu
u nomu,
indegno
di sì
tal onore.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 12/11/2010 16:51
    COMMENTI DA TRASFERIRE
    E non tutti potevano fregiarsi di questa onorificenza: Cavaliere di Vittorio Veneto erano in pochi e giustamente se ne vantavano, perché onorava le mani callose dei nostri avi e quel cervello fino che oggi non si apprezza. I versi di Don Pompeo Mongiello, se pure in un vernacolo per tutti non chiaro, rendono bellamente lode e affetto imperituro per un nonno speciale.
  • Anonimo il 06/11/2010 22:38
    Credo che tu degnamente porti il suo nome e che lo abbia onorato in maniera ammirevole e semplice. Complimentissimi!
  • Nicola Lo Conte il 05/11/2010 21:33
    Hai degnamente onorato tuo nonno...
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 05/11/2010 21:23
    decisamente musicale... almeno credo non conoscendo il dialetto. notevole anche il suo significato, per una volta mi concedo di dirlo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0