PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Aldilà

L'infinito
ama scherzare

giocare
a nascondino

con le linee delle nostre mani

ricongiungendole in un punto
senza dimensione

fuori mano

ed io mi struggo
tremo
Stellina mia

fragile papavero rosso
slanciata spiga di grano

nell'insita memoria
di un Amore eterno

reo di Terra natia

di perdere anche solo per un attimo
nel sole dei Tuoi occhi

il paradiso fiorito

gli aloni magnificenti
del Tuo generoso amato corpo

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • Anonimo il 07/04/2011 15:01
    sei un poeta... grande vincenzo...
  • Beatrice Faldi il 17/11/2010 19:32
    fragile papavero rosso
    slanciata spiga di grano

    nell'insita memoria
    di un Amore eterno

    Che versi stupendi!
  • Don Pompeo Mongiello il 08/11/2010 19:56
    Scherzi di parole ben combinate, che fanno della poesia la vera arte di espressione. Bravo!
  • Anonimo il 08/11/2010 09:11
    Fragile papavero rosso slanciata spiga di grano... sei unico Vincenzo!!
  • Paola Pinto il 08/11/2010 09:11
    Se c'è paura, se si teme una perdita, sussiste anche il 'dubbio'... ... e neanche tanto fuori mano! E non son daccordo con anna rita iotti, la paura può esistere in un cuore colmo d'amore. Al contrario non può esistere in due cuori colmi d'amore!
    Piaciuta molto! Grazie per lo spunto alla riflessione
  • Anonimo il 07/11/2010 19:18
    C'è solo un confine che può separare... la paura. Ma la paura non può esistere in un cuore colmo d'amore...
    Un abbraccio... O Capitano mio Capitano!
  • laura marchetti il 07/11/2010 18:43
    l'amore vero è anima e destinato a vivere in eterno... aldilà dello spazio e del tempo
  • Donato Delfin8 il 07/11/2010 18:34
    Ah bè ... fatti più in là dell'infinito... un due e tre stella! Eccola

    zi zi sniffo il Paradiso
  • karen tognini il 07/11/2010 16:36
    ed io mi struggo
    tremo
    Stellina mia

    fragile papavero rosso
    slanciata spiga di grano

    nell'insita memoria
    di un Amore eterno

    Splendida Vincenzo.. illumini ogni giorno le mie giornate...

    il paradiso fiorito

    gli aloni magnificenti
    del Tuo generoso amato corpo


    Sei magnifico...
    con affetto
    karen
  • Attanasio D'Agostino il 07/11/2010 16:26
    piaciuta, non mi resta che...
    un caro saluto Tanà
  • Giacomo Scimonelli il 07/11/2010 16:19
    piaciuta
  • loretta margherita citarei il 07/11/2010 16:13
    bella
  • Annamaria Ribuk il 07/11/2010 15:59
    ... aldilà di ogni cosa... ci troviamo nel giardino fiorito... pieni di Amore...
  • Anonimo il 07/11/2010 14:47
    Nell'oceano di "poesie libere", questa sull'amore eterno nell'aldilà per l'aldiqua sorprende, fino a un certo punto, oltre il quale c'è un fiore d'amore donato a tutti coloro che non ne hanno mai ricevuto uno o non se ne sono accorti di averlo ricevuto.
    Tu ce lo ricordi come fosse il pane quotidiano, diviso all'infinito, perché non venga a mancare a nessuno, mai.
    Con infinita gratitudine, sempre!
    CP
  • Elisabetta Fabrini il 07/11/2010 14:24
    Senza parole come sempre...
    Bravissimo Vincenzo...
    Ciao ciao Ely

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0