accedi   |   crea nuovo account

Il tuo saluto

Sembrava primavera
l'aria di un tiepido autunno,
suonava mesta la campana
il suo canto,
la rosa si aggrappava al cielo
e a quella finestra muta,
in un pomeriggio lucido,
di ricordi e di pianto.
Osservava attonita
il tuo silenzioso saluto,
c'erano tutti quelli rimasti,
i tuoi compagni di una vita,
di un giro di valzer, di carte,
di una banda,
nella piazza vuota.
Erano lacrime,
le foglie staccate dal vento,
nel cielo volavano lievi,
le note di un rimpianto.
Il profumo dei tuoi gerani
aveva già
messo radici,
di quella favola capivo,
che non esisteva più una fine...
Scendeva la notte,
ma dei suo occhi
non avevo più paura...

 

l'autore laura marchetti ha riportato queste note sull'opera

a mia Zia Nice (5. 11. 2010)


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Giusy Lupi il 04/12/2010 01:22
    Erano lacrime,
    le foglie staccate dal vento,
    nel cielo volavano lievi,
    le note di un rimpianto...
    Dolcissima dedica...
    Forse ho capito anche a chi la hai dedicata...????
    Scendeva la notte,
    ma dei suoi occhi non avevo più paura...
    Grande Laura... Un bacio.
    Giusy
  • Pietro Saltarelli il 11/11/2010 08:40
    "Erano lacrime, le foglie staccate dal vento, nel cielo volavano lievi, le note di un rimpianto... di quella favola capivo che non esisteva più una fine...
    Bravissima. Meraviglioso il modo di descrivere la vita che si perpetua nella Memoria e nel Cuore dell'uomo... Quando si elèva a tali vette la ratio si fonde col cuore e la paura fugge raminga... è la contemplazione della favola della vita.
    Bravissima...
  • Don Pompeo Mongiello il 08/11/2010 19:42
    Triste, ma bella e significativa, oltretutto scritta benissimo.
  • Giuseppina Iannello il 08/11/2010 17:34
    Nel leggere i Tuoi versi, ho provato brividi di commozione. Ti abbraccio.
  • Simone Scienza il 08/11/2010 17:30
    Un saluto a fior di labbria
    che sboccerà per l'eternità

    Un abbraccio Laura
  • tania rybak il 08/11/2010 09:39
  • ELISA DURANTE il 08/11/2010 09:04
    Il saluto di chi ti prende per mano e ti accompagna sempre... Molto dolce, anche se triste.
  • Anonimo il 08/11/2010 09:00
    Erano lacrime,
    le foglie staccate dal vento... questa frase è emozione pura, brava Laura, mi piace molto la tua dedica...
  • karen tognini il 07/11/2010 23:31
    Manca qualche lettera.. qua e la... scusami...
  • karen tognini il 07/11/2010 23:30
    rScendeva la notte,
    ma dei suo occhi
    non avevo più paura...


    avissima... Laura...
  • loretta margherita citarei il 07/11/2010 21:08
    bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0