PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Traffico a Firenze

A Firenze la mattina
l'angoscia per chi guida
e l'è continua,
perché i' traffico s'annida.

In un sol punto spesso si concentra,
guai a chi in centro s'addentra.
Se tu prendi Via Alamanni;
sei avvisato! Saranno danni.

Prima dell'arrivo alla Stazione
ti sfugge a lavoro ogni occasione,
ma tu c'hai i' tempo per controllare ogni particolare,
ogni striscia, ogni buca e ogni segnale.

Non devi avere fretta,
ad ogni semaforo immensa coda t' aspetta;
hai passato lavavetri e ridondanti manifesti,
arrivi lì e come per magia t'arresti.

Almeno e tu c'hai i' tempo di pensare,
e tu pensi: "In quest'ora e potevo andare a i' mare"
L'è bella Firenze ma l'è piccina
e ci son troppe presenze.

Troppi permessi finti e troppe vecchiette,
che parton per far la spesa già alle sette.
Del resto, un ce lo dimentichiamo
di Firenze è l'antichità che amiamo.

Incredibile! Come per magia,
passano camion, macchine e tramvia,
e tutto ciò è concentrato nello spazio
che sarebbe riservato ad una sola corsia.

Passa l'ambulanza a sirene spiegate,
inutile prendersi a manate;
"Perdete ogni speranza voi
che l'ambulanza chiamate".

Ma c'è una cosa
di Firenze particolare
e gl'è i' moderno che all'antico
si va a mescolare.

Infatti la magia la unnè finita.
Nella corsia preferenziale della Sita
passa disperato un poero fiaccheraio,
gli sembrerà d'entrare in un focolaio.

Insomma fiorentini usiamo i' cervello,
di' volante sulle mani e ci sa i' callo,
poi se un vi interessa icchè penso,
pensate almeno a qui' poero cavallo.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 08/11/2010 19:35
    però Firenze è un primo fiore, forse è bella così, ma non sta a me a giudicare, sento nei tuoi versi però il decantarla e questo è molto bello bellissima poesia. ciao Salva
  • Anonimo il 08/11/2010 11:34
    Bella poesia in dialetto fiorentino, la descrizione del traffico di Firenze è angosciosa ma azzeccata.
  • laura marchetti il 08/11/2010 07:53
    MOLTO PARTICOLARE E ORIGINALE... SEMBRAVA QUASI DI ESSER LI'...
  • mariacarmela cortese il 07/11/2010 20:29
    caspita quanto hai ragione... bisognerebbe che ci fosse più giudizio tra la gente, anche quando guida. bella questa tua contrapposizione tra il nuovo e il vecchio mondo. un modo per dire rallentiamo, non solo alla guida, ma non solo tra le strade dell'anas, ma anche e soprattutto sui sentieri della vita. bisogna che ti dica che mi piace?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0