PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'altro processo (Ode a Oscar Wilde). II Grado: L'appello

"Imputato
dove vi trovavate voi
quando gli esponenti
della Loggia della Creatività
attentarono
alla pubblica mediocrità
mettendo a repentaglio
gli equilibri di squallore
e i conservatorismi
di convenienza?"
"Ero impegnato a scrivere.
A scrivere di me
del mio vivere
A scrivere dei giudici
di queste puttane legalizzate
che vedete qui sedute
come tanti corvi
sopra lo stesso albero
neri fuori, peciati dentro
che aspettano di beccare grano rubato
e che tremano al solo pensiero
che parole ed emozioni
al tritolo, a loro sconosciute
distruggano
con deflagrazione silente
il loro falso perbenismo.
Madide fronti che tremano
ad ogni parola da me proferita
a mia difesa alle loro accuse
costruite ad arte
per smontare il mio alibi
e che altrettanto ad arte smonto."
"Vostro onore
non ho altre domande"
"In nome di nessuna legge
l'imputato è stato accusato
e in nome della stessa non legge
lo prosciolgo da ogni
inesistente accusa.
L'udienza è tolta"

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Alessandro Moschini il 10/11/2010 18:40
    Grazie a tutti.
  • Elia Paglia il 08/11/2010 14:44
    bravo... ben scritta
  • claudia pinheiro montenegro il 08/11/2010 11:25
    cosi, "mea culpa",
    ma oggi sono lavata
    nel Sangue del mio Gesù

    sono libera
    anche gustificata
    salvata nella Croce

    ciao Alessandro,
    Gesù benedica te,