accedi   |   crea nuovo account

Napule

Mmiezzo 'a tante cuffiatùre umàne
è comune quacche vvota
d'avé pe premio, 'a fine jurnàta,
nu filo spinato
po' succèdere tanno
de sentirse cchiù libbero
dint 'a na' cajòla ca fòra.
Quànno 'e prumésse nun so' cunfiètte
song' uosse tuoste da digerì.
Nu piso frisco 'a suppurtà
è n'aniello 'ncchiù dinto 'e caténe
e me cuonzola na cosa sola
ca pe spezzà nun a'mpurtanza
'o piso 'nse
me basta 'e da' nu taglio e via luntano
maie senza te.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • SalvatoreCierro il 22/07/2012 15:55
    Bellissimo! Mi piacerebbe anche a me scrivere dei versi in napoletano, molto significativo l'ultimo verso, esso rappresenta tutti i napoletani! ce sentimme chiù liber dint' a na caiola ca fora! Però non ho capito cosa voglia dire cuffiature, sono ò scuorno proprio ahhahah! Complimenti vivissimi Napoli sempre nel cuore!
  • Giacomo Scimonelli il 08/11/2010 22:11
    molto musicale e gradevole
  • loretta margherita citarei il 08/11/2010 20:18

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0