PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il primo viaggio

Sulla strada
tra piccole buche
dove la pioggia sciala desideri
è il primo passaggio
di bufere
sulla tua bocca
di vetro arido
dipinto
non è un motivo
il silenzio.

È il primo miele
che incontro
assaggio
sulla tua pelle
e si va verso l'altrove
con l' odore del sonno
e la certezza
clandestina
di un' occasione persa.

Amare?
Non fermarsi.
Essere?
È il primo viaggio.
Inizio da qui
per non finire.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Alessia Amato il 09/01/2011 21:40
    ... e quello che penso, in fondo... fermarsi non ha senso... e le sensazioni... fanno bene a non avere cornice, siamo noi che ci ostiniamo a credere nella loro utilità...
  • Anonimo il 09/01/2011 20:46
    Il tuo scrivere ha prole senza schema, lasciano quindi sensazioni senza cornice.
    Dopo aver letto queste parole, dal mio punto d'osservazione posso aggiungere...
    "Allora, comincia a correre"
  • Giuseppe Amato il 18/11/2010 12:40
    Ti confermo uno stile personale ed una struttura poetica non banale che chiede impegno nella lettura ma che gratifica molto... veramente brava
  • PIETRO CURCI il 16/11/2010 11:59
    LA TUA BRAVURA è NELLO SPOGLIARE LA POESIA DALL'ESOSCHELETRO CHE SPESSO LA RICOPRE CHE NELLO SCRIVERE COMUNE NE ANNULLA L'ESSENZA, AL CONTRARIO NEL LEGGERE LE TUE POESIE SE NE PERCEPISCONO SOLO LE VIBRAZIONI CHE GIUNGONO AL LETTORE COME UNA SAGITTA AL CUORE.
  • denny red. il 10/11/2010 03:34
    .. Un bel viaggio.. per non finire.
    Molto bella!! Alessia.
    Brava!!!
  • Giacomo Scimonelli il 09/11/2010 10:44
    piaciuta... scritta bene
  • Free Spirit il 08/11/2010 20:58
    Non fermarsi, essere ed amare continuando a viaggiare, proseguire con la tappa successiva, perchè sappiamo qual'è stato il punto di partenza ma non quando terminerà il nostro tragitto, ne dove si cela l'arrivo.
    A volte il viaggio verso l'altrove è erratico e solitario, incerto e clandestino, trova ostacoli e terreni sconnessi. Bella poesia Alessia
  • loretta margherita citarei il 08/11/2010 20:16
    bella lirica apprezzata
  • Maria Rosa Cugudda il 08/11/2010 19:25
    apprezzata, delicata e sincera!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0