accedi   |   crea nuovo account

Randagi d'asfalto

Ore senza.
Assetati, all'assalto.
Randagi.

Ciascuno porgeva
la ciotola
lungo l'asfalto.

Bergamo pioveva,
d'un pianto
distratto.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 02/02/2016 10:09
    Concordo con i commenti sottostanti e ti faccio i miei personali complimenti!

18 commenti:

  • Pepè il 22/04/2011 22:12
    Splendida poesia. Ha un forte impatto.
  • Solo Commenti il 16/02/2011 13:17
    Formalmente perfetta, da far pensare a un vero poeta o a un abile mistificatore.
  • augusto villa il 26/01/2011 09:38
    Davvero... davvero bella!!!
    Efficacissima... e ben scritta! -----------
  • Vincenzo Renda il 17/01/2011 14:13
    l'ho votata ma non la commento per non essere banale...
  • Anonimo il 03/01/2011 20:23
    L'ultima strofa, me la segno! Bella! Ciao!
  • rosanna erre il 28/12/2010 00:00
    Giuseppe, sono felice che ti siano arrivate le mie sensazioni!
    Grazie a tutti per i commenti.
  • Giuseppe Amato il 27/12/2010 13:06
    Quello che mi colpisce è il quadro che contorna ciò che si descrive: il senza tempo... poi il resto è come cogliere uno spaccato verissimo immerso in un cotone d'indifferenza.. anche la piovosità contribuisce ad ingrigire le risposte alle richieste delle ciotole.. drammatica verità
  • Uglisse il 27/12/2010 08:00
    Non so perchè ma leggendo questa poesia mi sono venuti in mente gli artisti di strada... i vecchi cantastorie.
  • Giuseppe Amato il 21/12/2010 22:14
    Lettura agra e e per questo molto incisiva... piacere d'averti letto per le strade del sito.. non mancherò di rileggerti...
  • Anonimo il 18/12/2010 13:40
    Ma che bella... adoro le poesie crude ed essenziali.. 5 stelle
  • Anonimo il 25/11/2010 21:48
    Strepitosa poesia.
    Una rasoiata violenta.
    Potente, scarna, randagia, alienante.

    Bellissima!
  • silvia giatti il 18/11/2010 20:41
    bellissima
    sentitissima davvero.
    si sente proprio tutto lo scaricume di una giornata grigia come quella che descrivi..
    poi pianto distratto... ehhbello
    per piangere bisogna concentrarsi.. qui il pianto è adirittura distratto..
    quando di un emozione positiva o negativa è rimasto solo il vestito.. be..
    si ha raggiunto il fondo!
  • claudia pinheiro montenegro il 10/11/2010 10:02
    era li al lungo...
    nel cuore palpitava
    una preghiera

    Gesù benedica te figlia,
    ciao,
  • Anonimo il 09/11/2010 23:33
    Molto bella e sentita, apprezzatissima
  • rosanna erre il 09/11/2010 20:12
    caro vincenzo, si vede che a forza di leggerti mi sono arrivate delle contaminazioni "corbotiche", era inevitabile.
    comunque, non per dire, ma io ho messo bensì due virgole e cinque (dico cinqueee) punti e a capo... quindi la corborizzazione non si può dire totale!
  • vincent corbo il 09/11/2010 16:46
    Una poesia grigia, triste che esprime solitudine e alienazione. Sembra uscita dalla mia penna (non per vantarmi). Comunque il mio voto è 8+. Che ne pensi dei voti come a scuola?
  • Aedo il 09/11/2010 16:08
    Poesia molto particolare e incisiva. Brava!
    Ignazio
  • Alessandro Bartoli il 09/11/2010 14:35
    semplicemente
    il sito mi invita ad essere prolisso: ma la tua sintesi estrema spiega tutto senza bisogno d'altre parole.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0