accedi   |   crea nuovo account

Novembre

Novembre questa volta
ha un grigiore particolare
che raggela e spaventa
Sento una specie d'agonia
e la mia anima come avvolta
dalla malinconia
sempre scontenta col suo aumentare
Mi guardo allo specchio
Sospiro e sento cadere le mie certezze
una ad una...
Come le foglie degli alberi
ne trattengo a malpena qualcuna
e non ci posso far niente!
Dentro di me regna l'autunno

Guardo il cielo e respiro a fatica,
mi domando che fine abbia fatto,
tutto quel suo bianco azzurro,
e rosso, rosa dei suoi tramonti,
e le belle aurore
sospiro ancora
e mi dico che anche questa volta,
passerà questo triste novembre,
che ha riempito d'angoscia il mio ventre,
ha tanta influenza sul mio umore,
e la sua influenza, come sapete, uccide
col suo odiato grigiore,
dentro di me da sempre,
detestato con furore.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Michele Loreto il 24/11/2010 03:50
    Un raccontare, quasi con occhi infantili, con la sensibilità dei senza pelle, l'allinearsi triste dei giorni grigi. Con la speranza riposta nei colori di primavera
  • Anonimo il 11/11/2010 00:49
    GRANDE HAMID!
  • Hamid Misk il 11/11/2010 00:08
    grazie Marghrtita e Laura... buonanotte. domani è sempre un altro giorno.
  • loretta margherita citarei il 10/11/2010 21:39
    molto bella
  • Laura cuoricino il 10/11/2010 14:43
    Un dolore coinvolgente, che fa riflettere.
    Descritto in un 'Novembre' particolarmente penetrante!
    Ottima, Hamid!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0