PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Declino

Cala il sipario;
finisce la tua commedia.

Cala la maschera
dal tuo sporco viso.

Cala la notte
in un cielo senza stelle.

Cala la luna
in questa notte buia.

Cala la temperatura
in questa notte fredda.

Calano lacrime
dal mio volto sciupato.

Cala la fiducia
in un te mai esistito.

Cala la fiamma
che ardeva per te.

Cala la mia vita
nello spaventoso Nulla.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Matteo Marti il 14/12/2010 22:37
    Ma questi altri poeti che ti commentano sotto... non capiscono veramente un cazzo!!!!!!!!!!
    Invece di capire quello che vuole esprime... non il poeta... ma il suo incoscio... si mettono ad analizzare le metriche e i cazzi fritti... che coglioni... sono degli studenti!!!!!!! scusali Beatrice.

    Matteo
  • Matteo Marti il 14/12/2010 22:35
    Lui è la tua vita, lui è la chiave!!!!!!! ti fa scrivere queste cose... ma chi è????? attenta è una persona molto forte ed influenza tutto e tutti, potrebbe imbambolare anche il più audace degli intelletuali... la sua personalità è massima!!!!!!!!!

    Matteo
  • ELISA DURANTE il 12/11/2010 08:31
    Il concetto stesso di declino indica il concetto di risalita. E un momentaccio ma finirà!
  • tania rybak il 11/11/2010 17:47
    hai tutta la vita davanti, non pensarci più
  • Patty Portoghese il 11/11/2010 12:11
    Il nulla espresso in rime particolari, molto sentita, brava
  • mariacarmela cortese il 11/11/2010 10:51
    quello che ho scritto è sconnesso e sgrammaticato ma spero si capisca lo stesso: ho fatto il turno stanotte e si vede
  • mariacarmela cortese il 11/11/2010 10:50
    È così che accade, si ripone la propria fiducia in un amore immeritevole e quando il castello cade ci si ritrova al centro di quella orrenda sensazione di vuoto, di nulla.
    si, "un te mai esistito"... è un po' come sentire l'eco del mare in una conchiglia: è un'illusione. Chi e che poneva la domanda "se un albero in una foresta cade e non c'è nessuno, fa rumore"? Nono me lo ricordo, ma ad ogni modo di tanto in tanto me lo chiedo anche io: se in un rapporto siamo noi soli ad amare, l'amore è esistito davvero? Forse è quello il vuoto di cui, in fine, ci rendiamo conto...
  • Jurjevic Marina il 11/11/2010 10:11
    Cala la fiducia
    in un te mai esistito.

    Un te mai esistito... bellissima descrizione, mi piace come suona. Conosco un amore mai esistito... una fiducia mai guadagnata. Uno sguardo finto.. piaceri falsi. È così.. hai catturato perfettamente le emozioni di una persona che tocca il fondo chiedendosi perché.. perché di tutto ciò... Non perdere mai speranza... te lo dico, ma da sola non ci riesco. Baci e coraggio
  • Giuseppina Iannello il 11/11/2010 10:08
    Sono d'accordo con Auro; la ricchezza della Tua Anima non può declinare.
  • Auro Lezzi il 11/11/2010 09:41
    E no.. E solo un momento.. Una persona con la tua ricchezza troverà presto ciò che sorge.. E senz'altro non cala la tua poesia..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0