username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'Appuntamento

Folate di gelido vento,
percorron veloci la via,
la quale, scura e deserta,
verso il nulla conduce.

Non v'è luna! Nel cielo
si rincorrono nuvole nere,
le cime degli alberi
s'agitano inquiete gemendo.

Nelle strade bagnate,
sinistre danzano l'ombre.
Dei lampioni le pallide luci tremanti
soccombono al tetro.

Curvo, un figuro, lestamente cammina,
un nero mantello l'avvolge,
un cappuccio nasconde il suo viso,
la persona cercata è vicina.

Su di un letto, disteso
soffre l'anziano, il respirar l'affatica,
freddo sudore imperla la fronte rugosa.
Nei vitrei occhi, fitta è la nebbia.

Un leggero bussare alla porta, ferisce il silenzio.
L'orologio scandisce l'ultima ora,
la lancetta puntuale s'arresta.
La nera figura nella stanza s'avanza,
e all'uomo porge la scheletrica mano,
per poi con lui andar verso la fine.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 17/05/2011 16:54
    è sempre puntuale la losca figura... molto bella bruno ... complimenti bellissimi versi
  • vincent corbo il 12/11/2010 07:10
    Sembrano dei fotogrammi di un film dell'orrore, veramente inquietante.
  • loretta margherita citarei il 11/11/2010 21:26
    sempre versi meravigliosi i tuoi.
  • Giacomo Scimonelli il 11/11/2010 18:06
    senza parole... veramente bella... e scritta con grande maestria poetica
  • laura marchetti il 11/11/2010 16:35
    BELLISSIMA... DA BRIVIDI... HO PIANTO, L'HO INCROCIATA QUELLA LUGUBRE FIGURA, ERA NOTTE E GUARDAVO L'OROLGIO SI È FERMATO ALLE 23. 30... QUELL'OROLOGIO CONTINUA A BATTERE IL TEMPO, MA NON SCORDERO' MAI QUELLO SGUARDO... ARRIVA RAPISCE E SPARISCE, MA POI TORNA SEMPRE...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0