accedi   |   crea nuovo account

Trentasette cascate

Trentasette cascate
tra le mie valli
ripiegate sul dorso
di una sola collina
discesero ripide
fino a pianura
quasi che intorno
non vi fosse
sentiero.

Ed ora che la pelle
è madida
d'acqua di fiume
arginando in penombra
il letto di sassi

prendimi per mano
sentinella del mio cuore
conduci i mie passi
lentamente
verso il mare.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • ANGELA VERARD0 il 19/11/2010 10:28
    grazie a tutti per avermi accompagnata in questo percorso... un abbraccio
  • loretta margherita citarei il 18/11/2010 08:35
    splendida
  • coccinella settantotto il 18/11/2010 07:13
    MA CHE BELLO è STATOLEGGERE QUESTI VERSI...
  • - Giama - il 18/11/2010 00:24
    grande Poesia Angela; mirabile il ritmo usato che cambia proprio come il moto di un torrente: vario, imprevedibile... fino al mare!
    Bravissima!
    ciao Gia
  • Dolce Sorriso il 17/11/2010 22:29
    che bella... una poesia da 5 stelle
  • Giacomo Scimonelli il 17/11/2010 21:01
    veramente bella come tutte le tue poesie... scrivi con una semplicità ed intensità disarmante...
  • laura marchetti il 17/11/2010 20:44
    versi che sgorgano con limpida freschezza e dissetano la voglia di poesia
  • Giuseppe Tiloca il 17/11/2010 18:46
    Che bella Angela, da tempo volevo leggere qualcosa di simile
  • karen tognini il 17/11/2010 18:32
    prendimi per mano
    sentinella del mio cuore
    conduci i mie passi
    lentamente
    verso il mare.


  • giovanni crisostomo il 17/11/2010 17:48
    Rivisitazione nostalgica di una terra avara di frutti ma prodiga di scorci poetici. Un caro saluto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0