username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Natale

Camminiamo stanchi e perduti nelle vetrine,
e pensiamo a sfilare come pavoni.
Ognuno con il suo scartocciare,
ognuno con il suo rammarico,
ognuno con il suo avrei voluto
avere un altro regalo.
Le strade divengono passerelle,
ognuno con le sue veline,
ognuno con le sue collane di perle,
ognuno con i suoi viaggi,
ognuno con i suoi ristoranti,
ognuno con i suoi cenoni,
ognuno con i suoi non possiedo niente.
Tutto arriva e passa
e ci siamo dimenticati del Bambino,
ci siamo dimenticati della Grotta.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Dolce Sorriso il 17/11/2010 21:10
    vero, ottima la chiusa
    bravo
  • Anonimo il 17/11/2010 20:48
    è vero spesso si esce di casa giusto per sfilare siamo vanitosi e avari aspettiamo solo complimenti e che gli altri ci lecchino il culo dimenticando che attorno a noi c è ben altro bella mi piace
  • laura marchetti il 17/11/2010 20:38
    giustissima... dovremmo per una volta tornare bambini
  • karen tognini il 17/11/2010 18:47
    È diventata... una festa commerciale...

    chi ha fede... credo però lo viva in modo diverso... vero!
    ottima riflessione...
  • Fabio Mancini il 17/11/2010 17:35
    Il Natale è lasciare che Gesù bambino nasca ogni volta nel nostro cuore. Le feste ed i regali lasciano il tempo che trovano. Ciao, Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0