PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Irene

Ignaro resta
il tuo volto
in semplici gesti:
uno sbatter di palpebre;
l'allungarsi del labbro
in gioioso sorriso
o la tua mano,
ch'annoiata
s'annoda ai capelli.
Eppur erompe,
caldo e patinato,
quell'insignifante fuoco
di mani, labbra e capelli
inconsapevole,
come inconsapevole resterà
l'orecchio
che mai sentirà
quest'urlo.

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0