PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

SENZA

Sono crollato con le notti compagne
Nel caldo bagliore dell'arcano manto:
una noce saldata dentro il mallo.
Senza il ripiego di soffici illusioni.
fottuto dall'impulso che t'acceca.
Senza monti di Venere ritmati o veri.
senza il tepore d'un perenne nido
intessuto di corallo acuminato.
Vivo su rive di oceani genuflesso;
cormorani, paci agognate e ninfe senza veli,
movenze del vagito di me stesso:
bimbo deforme nato più distante.
Mi danno scacco e sogghignano spietate
diafane gambe, vanghe indolenti
si schiantano nel granito vigoroso.
Magico soffio di un flauto senza fori:m'incanto;
mi conduce questo suono cupo
dietro una lumaca dalla scia maestra.
con le notti nemiche, nel nitido buio.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0