PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I versi e lo specchio

Lì c'è uno specchio muto. Scrive versi
e tu ti ci rispecchi, amore.
È questo il tuo mutismo universale.

Io parlo come un cieco e vago
dal prima al poi, che poi non è che un volo.
Io che ti penso ed io che resto al chiuso.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Anonimo il 08/01/2011 12:12
    E se muto non fosse lo specchio, ma chi guarda essa come possibilità di esprimersi senza essere scoperta. Cosa cambierebbe la chiave di lettura, cioè, la mia chiave? Niente.
    Questa poesia è molto bella. Degna di un poeta.
  • Anonimo il 20/12/2010 16:46
    ogni tanto cambio.. anche la misura e' diversa.. e quando m'assale
    quel desiderio infinito di poesia ti vengo a trovare..
  • vincent corbo il 12/12/2010 10:11
    C'è poesia e poesia. Ci sono pensieri, aforismi, sfoghi, rimpianti scritti su un foglio, slogan e virtuosismi. Questa composizione è come una porta che si apre oltre i confini dell'intelletto.
  • giusi boccuni il 11/12/2010 13:32
    bellissima, un tuffo in un mondo intimo, che si apre alla vista, solo per un attimo
  • laura cuppone il 04/12/2010 21:01
    solo un altro specchio é in grado di cogliere certi mutismi...
    sono estasiata...

    grazie per l'emozione...

    laura
  • Marta Niero il 04/12/2010 02:33
    ti rileggo dopo tanto, ma sono latitante per varie ragioni; classe invariata
    mi hai fatto pensare a quei silenzi interiori densi e intrisi del non detto, perchè non trovi le parole per esprimerti... ma quando gli argini si rompono!!!!!! aiuto
    bacione grande
  • Giuseppe ABBAMONTE il 26/11/2010 23:26
    Mah, io forse avrei aggiunto un passaggio, che so, alla fine "io ce a te agogno e che rimango solo" o qualcosa del genere.
    Però forse un verso simile avrebbe reso la poesia meno ermetica e meno "chiusa in se' stessa". E quindi è meglio che rimanga com'è, uno dei gioielli ci Nicola ci ha abituati.
    Un abbraccio Nicola
    Giuseppe
  • Nicola Saracino il 24/11/2010 19:57
    Io avrei omesso un ben preciso "passaggio"... per rendere alla meno peggio!
  • Danilo Carli Stranich il 24/11/2010 12:04
    essenziale, avrei omesso qualche passaggio per rendere al meglio l'ermetismo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0