PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'addio lungo il viale

La strada è sempre quella
Non cambia con l'età
Fiori alle finestre
seduti fuori a un bar
Si parla con clamore
di amore in libertà
E intanto fuori piove
per noi che senso ha

Graffia quelle mani
tira quei capelli
Rompi quei bei vasi
il senso resta quello
Un ultimo ricordo
nel fondo del bicchiere
Prendi la valigia
non farti più vedere

Un gioco, un gioco
è stato un brutto gioco
Lungo quel viale
ma poi è durata poco
Il mondo ti aspetta
torna di nuovo a sognar

Rotola il pallone
lungo il muro di mattoni
C'è traffico di sera
estranei al mattino
Si accende una luce
sul tuo vestito bianco
Si accendono le stelle
sul velluto della pelle

Correvi tra la gente
tanto tempo fa
Oggi ti nascondi
forse è poi l'età
In fondo non ha senso
dire ma perché
In fondo c'è un domani
che aspetta proprio te

Un gioco, un gioco
è stato un brutto gioco
Lungo quel viale
ma poi è durata poco
Il mondo ti aspetta
torna di nuovo a sognar

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0