PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Impedimento

Commu
vurria esse
'nu sciasciò,
i per li viculi
a squarciagola
cantà
canzoni stunate
e senza senso
alcuno,
al ritmo
e li tamurri napulitani
e pizzicate
e mandulinu,
e tutti veré
scunguassarsi
da le risate,
ma lo core
nun me
lo permette,
chiagne
e si dispera
per i figli
che cadono
in Afghanistan
e altrove.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Pietro Saltarelli il 25/11/2010 18:34
    Sono estasiato dalla tua perfetta conoscenza degli idiomi di varie regioni e della capacità di utilizzarli per realizzare bellissime poesie. Bella questa immagine di chi cerca di esser lieto, ma non può, per nobile sensibilità verso coloro che operano e, spesso donano la propria vita per gli altri. Sei grande...
  • Antonio Pani il 25/11/2010 18:14
    MI piace. Versi diretti e genuini, figli di un fuoco che arde e che, per profondo rispetto, deve essere "contenuto/domato". Complimenti, molto apprezzata. A rileggersi, ciao.
  • Ugo Mastrogiovanni il 25/11/2010 11:34
    Ci troviamo di fronte a una poesia alta, ma vittima delle circostanze. Di fronte ad una tale situazione il poeta non può fare altro che cantare l'impossibilità di cantare.
  • karen tognini il 25/11/2010 09:07
    bella Don... profondo e sensibile poeta!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0