PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cantico d'Amore

Cantò una canzone
al suo adorato,
un cantico d'Amore.

Pallida,
come la foschia
che indugia sul fiume.
Cantò l'amore,
reso perfetto
nell'ora della morte.

La luna di cristallo,
timida,
si sporse nella stanza
ad ascoltare
il melodioso canto.

Canta ancora
amore mio,
mi sentirò solo
quando te ne andrai.

Si distesa a fianco
tenendole la mano,
fredda,
sempre più pallida;
come pallido avorio.

Canta più forte
amore mio.
E forte e disperato
si levò il canto.

La bianca luna
intese,
dimenticò l'alba
e indugiò nel cielo.
L'aurora si accese
di un rosso tenue,
come le gote
dell'amato,
smarrito
al cessar del canto.

Un pianto tumultuoso
lo trafisse
e lacrime cocenti
lo travolsero,
come la piena del fiume
nei canneti.
Poi,
il tempo si fermò.

Raccolse i suoi pensieri,
strinse ancora
la sua amata al petto
e continuò quel canto.

Un cantico d'amore,
dell'amore
che non muore
nella tomba.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Angel Bruna il 31/10/2011 15:32
    Canta più forte amore mio. E forte e disperato si levò il canto.
    Stupenda!
  • Ezio Grieco il 27/12/2010 10:06
    Ciao Sabry, mi lasci sempre... senza parole..
    Grazie.
    abbraccione
    cl
  • Anonimo il 16/12/2010 18:28
    È una poesia splendida ed hai fatto centro con i miei gusti per quanto riguarda le ripetizioni create ad arte, i richiami, un po' arabeschi, che conferiscono al brano un ritmo incalzante. Non mi deludi mai!!! Bravissimo. Un caro saluto.
  • Ezio Grieco il 07/12/2010 20:11
    Grazie ragazzi, un abbraccio a tutti voi.
    cl
  • loretta margherita citarei il 26/11/2010 21:48
    raccogliere i pensieri e cantare ancora... ne so qualcosa, bella amico caro
  • Vincenzo Capitanucci il 26/11/2010 16:50
    Raccolse i suoi pensieri... e continuò quel canto... eterno... sospeso fra la vita e la morte...

    Bellissima Ezio... strinse la sua amata al petto..
  • Giacomo Scimonelli il 26/11/2010 15:57
    scritta bene... piaciuta
  • ANGELA VERARD0 il 26/11/2010 13:45
    né sa di favola... molto bella e particolare

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0