PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Schiava di Vanità

Strizza, tira e riempi,
la più bella di tutti i tempi,
trucca, liscia e imbelletta,
lasci tutti a bocca aperta,
splendi sciocca e seduci
fino a che si spengon le luci.
Smonta, sgancia e smantella,
da quel tacco scendi a terra,
di vanità è schiava quest'era,
ma che sollievo senza pancera!

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Antonio Pani il 12/04/2011 12:48
    Cosa non si è disposti a fare in nome della vanità! Femmina docet. Molto carina, davvero apprezzata. Grazie per la tua attenzione e i tuoi commenti. A rileggersi, ciao.
  • Giusy Lupi il 02/12/2010 11:03
    Da quel tacco scendi a terra...
    ma che sollievo senza panciera...
    Piaciutissima. Ciao.
    Giusy
  • nunzia viola il 01/12/2010 17:36
    grazie ugo.. in effetti per ora preferisco le forme più semplici, non vorrei che cercando di esercitarmi in costrutti elaborati l'idea diretta e scarna si perdesse!!! e soprattutto voevo puntare sull'invito a scendere dai tacchi che tu hai colto benissimo!!!
  • Ugo Mastrogiovanni il 01/12/2010 17:28
    Versi costruiti secondo uno schema abbastanza semplice; un repertorio di allitterazioni troppo moderne per dare un giusto significato alla vanità; ma la superficialità oggi dilaga e quindi ha fatto bene Nunzia Viola a consigliare di scendere dai tacchi e smetterla di apparire con una vita da vespa strizzandosi con una panciera.
  • ELISA DURANTE il 29/11/2010 09:12
    Simpatica punzecchiata satirica.
  • Barbara Scarinci il 27/11/2010 18:14
    Una simpatica satira di un'epoca in cui l'apparire sembra diventato essenziale!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0